Slouchy hat

In questi giorni non ho molta voglia di chiudermi in craft room e quindi, nonostante il caldo ho ripreso i ferri da maglia e ho lavorato un cappellino dalla caduta morbida, ispirandomi ad un modello di Susan Mills, il Fresco Simple Slouchy Hat.

Un grazie speciale va alla mia modella che, malgrado le temperature africane di quest’estate, si è prestata a posare con un cappellino di lana che di “fresco” ha solo il nome.

IMG_1625_Fotor_Collage_Fotor

Il modello prevedeva l’utilizzo di ferri circolari, che non possiedo, per cui ho dovuto modificare le diminuzioni per la calotta adattandole ai due ferri ma, visto il gran numero di schemi che propongono l’uso dei ferri circolari sono prossima ad abbracciare una nuova sfida.
Qui il link alla versione in italiano.

Viv

Annunci

29 pensieri riguardo “Slouchy hat

  1. Splendido… Mi ricorda un berrettino fatto all’ uncinetto che usava quando anch’io ero una ragazzina e chiamavamo alla francese 🙂

  2. Cara Stravagaria… ci sono alcuni tuoi lavori che rivelano davvero la profonda abilità che possiedi e questo risponde all’appello. E’ delizioso e curatissimo come tuo solito. Sei proprio una vera artigiana e per me è un super complimento!!!

  3. Non ci credo! E se non li hai tu i ferri circolari allora anch’io posso aspettare senza sentirmi in colpa! Chiediamo a Babbo Natale? 😀 Bello il cappellino. Anche io stavo meditando di iniziare qualcosa di lana, in effetti. Coi miei tempi…

    1. Li chiudo sul rovescio con una cucitura che riproduce un’onda, simile ai punti nascosti con cui si chiudono i lavori di cucito. Quanto alla dimensione penso dipenda dal numero dei punti impostati più che dal tipo di chiusura. Ho trovato una tabella interessante a questo proposito, ora non ho il link sotto mano ma lo inserirò nel prossimo post sui cappellini. Stay tuned e fammi sapere se ti sembra utile. 🙂

      1. grazie, proverò a farlo. Temo che il mio problema sia l’avvio stretto, tendo troppo le maglie. Anche quando tolgo i ferri stringo troppo

      2. Prova con l’avvio tubolare. Con i video tutorial lo impari in un attimo e risolvi per sempre il problema perché risulta estremamente elastico. Ce n’è uno molto chiaro sul canale youtube LanificioDiLorenzo. Se digiti su google avvio tubolare è il primo video che compare.

  4. Ho pensato la stessa cosa che ha pensato la Miss: hai una modella troppo bella! Su di lei credo stia bene tutto, no? A me dispiace un sacco di non avere un viso adatto ai cappelli…
    Ciao 🙂

  5. Usare i ferri circolari ti aprirà un mondo! Impara, perché ne vale la pena, e poi non è difficile! La cosa più bella è che per fare la maglia rasata non si deve fare il rovescio…figo, no? 😉
    Bello il cappellino, devo farmene uno anche io, di questi così “cadenti”

  6. Quei ferri circolari lì sono molto convincenti negli esiti: i cappelli gravitazionali, come li chiamo io, che adoro indossare. Ma non ho la più pallida idea di come possano funzionare dei ferri circolari, di sicuro ci rimarrei incastrata nel mezzo. 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.