Baby panda ed elefantini rosa

Chi frequenta queste pagine da un po’ sarà abituato a non aspettarsi continuità nelle proposte. Tante recensioni, zero recensioni, borse per settimane, poi solo ricami e via dicendo.
Ora è il turno dei porta-pannolini, in rosa perché finora ne avevo cuciti solo in colori neutri.

Grazie al feedback di una mamma che continua a utilizzarlo da un paio d’anni per il suo bimbo -grazie Michela- ho aumentato un pelino la dimensione della tasca per i pannolini e ho deciso di tenere queste nuove misure come riferimento, così sarà più facile inserire anche i pannolini più grandi. Lo spazio in più in ogni caso è sempre utile quando si hanno dei bimbi piccoli, anche solo per un bavaglino di scorta.

Processed with MOLDIV

Processed with MOLDIV

Qui vedete la versione con i panda e quella con gli elefantini… non ho ancora deciso quale preferisco.

Viv

Pubblicità

Lettori digitali o tradizionali?

La domanda è mal posta perché va da sé che quel che conta sia leggere ma è innegabile che i lettori si dividano tra chi tendenzialmente preferisce il digitale e quelli che “cartaceo tutta la vita”.

Al di là delle preferenze personali la lettura digitale offre lati positivi difficili da ignorare.
Innanzitutto un costo inferiore, cosa non trascurabile per chi legge molto, uno spazio di stoccaggio piccolissimo e la possibilità di acquisto immediato ovunque ci si trovi.
Inoltre è un sistema amichevole per gli ipovedenti, adatto alla lettura notturna o in condizioni di luce precaria.
Se poi amate sottolineare, liberano dalla schiavitù della matita -e della gomma (perché io amo sottolineare ma odio le righe stortignaccole quasi quanto quelle con il righello)- e, last but not least, è più facile ritrovare brani significativi attraverso le parole chiave.

L’aspetto che preferisco tuttavia è il minor consumo di risorse del pianeta e fatte salve alcune eccezioni, come albi illustrati e volumi d’arte, mi fa sentire più felice sapere di aver salvato un albero.

Lo so, vi sento. Vuoi mettere il profumo della carta, il piacere dell’acquisto, gli scaffali pieni di volumi da risistemare?
Vi capisco, eh! In un mondo ideale leggerei su Ipad ma al contempo comprerei il cartaceo di tutto quello che mi è piaciuto e avrei una biblioteca come quella di Belle (e magari anche un vestito con le balze già che ci sono).

Comunque, posto che l’importante è leggere, so già che tornerò in argomento perché le cose da dire sono ancora tante, nel frattempo ecco qui una cover per Kindle Paperwhite e una per IPad.

Viv

Sunflower mug rug

Anche se nel mio immaginario i girasoli restano legati all’estate, la loro fioritura si protrae fino a ottobre, quindi si abbinano a buon diritto con queste mini tovagliette dai colori autunnali.
In questa stagione le pause caffè -per me tè, grazie!- sono ancora più apprezzate e basta davvero poco per trasformare dieci minuti di intervallo distratto in un momento gratificante.
Basta scegliere la tazza preferita, un dolcetto che ci faccia alzare l’umore e una tovaglietta allegra su cui riposare lo sguardo.

Voilà, il gioco è fatto! In fondo, anche se a volte facciamo le cose di fretta sappiamo tutti che é la cura del particolare che cambia la prospettiva e un pizzico di bellezza aiuta sempre.

Ah, io sempre più rapita dal trucchetto per chiudere lo sbieco senza sovrapporlo!  Sono un’anima semplice ma se lo siete anche voi ci faccio un mini tutorial e ve lo spiego.

Viv

From my kitchen

Che siate fan del dolce o del salato, se amate stare in cucina e condividere i vostri manicaretti non potrete fare a meno di questo accessorio che rende super facile trasportare le teglie.

Sono rimasta fedele all’ultima versione del portatorte, quello con i manici cuciti sulle alette e senza cuciture a vista, un lavoretto veloce, propedeutico ad altro, in questo caso  all’esercizio col punto scritto che mi servirà per un altro progetto.

Due versioni complementari con quel tocco di rosso che in cucina non stona mai… e nemmeno a Natale perché, piaccia o meno, si avvicina dicembre e questa è sempre un’idea vincente.

Viv