Collana lunga e leggera

Questa è una collana adatta a tutte le stagioni. Facile da indossare grazie alle tonalità polverose che si sposano agli elementi dorati.

Semplice ed elegante sulla camicetta bianca, sul maglioncino grigio e persino con i toni caramello per via di quelle sfumature dell’agata che fondono i blu e i nocciola.

Acquamarina, quarzo, agata ed elementi dorati in ottone, collegati con nodi da orefice.

Viv

Fanalini di coda

Ormai avrete capito che funziono per categorie. Quelli di oggi sono gli ultimi gli orecchini… almeno per ora. Da domani si passa ad altro.

Agata dai colori lattiginosi con anello centrale in ottone dorato e perla di fiume.
Ho faticato a fotografarli perché le pietre cambiano molto a seconda che siano o meno attraversate dalla luce.
Vi metto entrambe le foto che a mio avviso rendono meglio quello che intendo.

Questa invece è una monachella che utilizzo per la prima volta e con quell’anello a mezzaluna ha una leggerezza tutta particolare. I pendenti sono realizzati con perla di fiume e una goccia di giada. Tutti i perni sono, come sempre, nickel free.

Viv

Perle di fiume e madreperla

Piccole perle di fiume, acquamarina e agata. I toni morbidi e azzurrati di questi orecchini li rendono perfetti in abbinamento coi grigi, blu e celesti.
Per le donne dalla carnagione chiara e luminosa, quelle che in armocromia rientrano nelle categorie summer. 
Monachella semplice nickel free.

Sfumature di verde e viola per la tormalina, la perla di fiume aggiunge luminosità insieme all’elemento centrale in ottone dorato.
Perfetto per bionde, rosse e castano ramate.

Tormalina rosata con sfumature calde,  elemento in ottone dorato con intagli e madreperla piatta.

Perno in ottone lavorato, agata sfaccettata e madreperla piatta.
Semplicissimi e molto eleganti.

Gli abiti sono riproduzioni fotografiche tratte dal catalogo dell’esposizione che il Victoria & Albert Museum ha dedicato alla Maison Dior nei mesi scorsi.
Ma volete sapere una cosa bella? Questi orecchini vi staranno una favola anche senza questi abiti strepitosi.

Viv

Dettagli in rosa

Sarà la tormalina rosa antico, sarà la lucentezza della perla di fiume o forse la trasparenza del quarzo con le sue delicate venature rosate, fatto sta che non riesco ad immaginare nessuna delle mie amiche a cui questi orecchini non starebbero bene.

Due paia di orecchini gemelli, con perni importanti in ottone dorato, perle di fiume, pietre dure e nodi da orefice per un effetto elegante e curato.

Viv

Notturno in laguna

Tra una borsa e l’altra c’è sempre spazio per un paio di orecchini, specie se l’accostamento di colori evoca immagini incagliate da qualche parte tra un raggio di luna e un salice ritorto che sfiora la superficie dell’acqua.
E comunque io non resisto a questo verde giada.

Onice e giada con perno in ottone.

Viv

Collane in perle di carta

Tornano le perle di carta che avevo utilizzato un anno fa per gli orecchini a goccia.
Qui nel lab di Stravagaria funziona così, gli acquisti attendono pazienti a volte un anno, a volte un lustro o più. Trovano posto in una scatola o in un cassetto finché nasce un’idea che dà loro forma.
A queste belle perle rosso laccato e rosso India ho abbinato delle perle in ceramica sui toni del beige e dell’azzurro e dei cordoncini di cotone cerato.

Rosso lacca e beige per il girocollo morbido.

Rosso India e azzurro per la collana di lunghezza media con cordoncino bicolore.

Lo schema è simile per entrambe le collane ma cambiano le lunghezze e i dettagli nelle finiture. Del resto è difficile trovare tra le mie collane due accessori perfettamente uguali, a volta replico ma quasi sempre cambio qualcosa e comunque sia il “fatto a mano” è per sua natura unico persino nelle sue piccole imperfezioni.
Piccole, eh! Se no, per citare il papà di mio marito non si parla più di creazioni artigianali ma di slambrót*.

*per i non bresciani, pasticcio, lavoro non accurato.

Viv