Collana lunga in agata verde e orecchini a grappolo

Per dare luce al tubino nero o al maglioncino color melanzana perché non deviare dal solito cliché scegliendo i toni caldi del verde e dell’oro?

Anelli in zama e perle sfaccettate in agata verde per questa collana lunga, movimentata da mezzi cristalli lucidi e opachi, da microcristalli appesi come piccoli charms e una chiusura dorata a fiore.

Tutti gli elementi sono uniti con occhielli da orefice.

Orecchini coordinati per i quali ho scelto due agate in cui prevalgono i toni caldi.

Viv

Annunci

Collana lunga con lapislazzuli

E poi ci sono le collane da indossare in tutte le stagioni.
Come questa, con piccoli ovali piatti di lapislazzuli, perle sfaccettate in fluorite e perle lisce in amazzonite.

Qua e là qualche elemento in metallo dorato e una chiusura a fiore che può essere portata anche sul davanti.
Tutti gli elemento sono uniti tra loro con nodi da orefice.

Senza tempo e senza stagione, come le pietre dure.

Viv

Orecchini semi preziosi con rubini

Siamo ormai lontani dai verdi del mare e dagli azzurri del cielo terso e volgiamo lo  sguardo verso il futuro, ai mesi in cui regnano il viola e il rosso rubino.
Qualcuno in rete ha gia cominciato a fare il count down natalizio ma dal canto mio non volevo spingermi fino a quel punto anche se questi orecchini non sfigurerebbero nemmeno al veglione di Capodanno.

Pendenti in rubino e agata viola scuro, chips, cristalli bicono e perno in ottone.
Sono orecchini dalla forte personalità che non passano inosservati e fanno risplendere chi li indossa, lo so perché hanno già trovato un volto che fa loro da splendido contraltare.

Vista la fulminea rapidità con cui sono stati scelti ne ho fatto un secondo paio identico con un perno differente, questa volta tondo, sempre in ottone.

Per chi invece non teme le asimmetrie, il mono-orecchino con pendente in rubino, e sfera diamantata.
Da solo ha classe per due. Bellissimo indossato insieme ad uno o più punti luce  sull’altro lobo.

Viv

Un tocco di viola

So ancora poco o nulla delle indicazioni Pantone per il prossimo autunno-inverno ma, per chi non rinuncia ad una punta di viola, ecco un paio di proposte.

Se amate il viola in abbinamento col verde la fluorite, con le sue delicate sfumature, può senza dubbio considerarsi tra le scelte più eleganti e meno scontate.

Orecchini in fluorite e sferette argentate con perno a grappolo in ottone lavorato.

Con un look sui toni del senape, dell’ocra o dell’arancio invece, vedrei alla perfezione questi pendenti semplici total purple con agata viola e mezzi cristalli.
Monachella nickel free.

Viv

Tris in corallo

Senza abbandonare del tutto l’estate e i colori che ci piace indossare quando fa caldo, ci spostiamo gradualmente verso qualcosa che funziona tutto l’anno.

Sto parlando del corallo.  In questo caso si tratta di perle di pasta di corallo, alcune sfaccettate, alcune disomogenee, quelle che io preferisco.

Goccia di giada e pasta di corallo rosa con perno ovale in ottone.

Goccia di onice e perla disomogenea in pasta di corallo rosa.

Ovale piatto e sfaccettato in onice nera con perle in pasta di corallo in due tonalità.

Questi orecchini sono perfetti per un regalo, col corallo non si sbaglia mai non e mai troppo presto per farsi venire un’idea da mettere sotto l’albero.

Viv

 

 

 

La ciotola delle caramelle

Alla logica dello “scampolo” non si sottrae neppure la bigiotteria.
La sfida, come sempre, sta nel creare qualcosa che abbia una personalità unica proprio in virtù di un pensiero costruito su misura. Insomma sono banditi come la peste i “pastrocchi” tanto per liberarsi di un ritaglio o, come in questo caso, di una perla isolata.

Queste collane mi ricordano le ciotole colme di caramelle che venivano offerte agli ospiti quando ero piccola. Gli involucri colorati e tutti diversi invitavano a sceglierne una per tipo, cosa che ovviamente metteva sulle spine mia mamma che, con cenni più o meno espliciti, tentava di indirizzarmi ad una educata moderazione.

Ecco, con queste collane finalmente mi sono sfogata e ho messo in sequenza tutte le mie caramelle collegandole con una serie di occhielli da orefice.
E stanno benissimo secondo me.

Cinque esemplari unici, tante e tante ore in compagnia della voce di Francesco Pannofino che mi raccontava “Harry Potter e il calice di fuoco”.
Una scoperta, quella di Audible, che mi riconcilia con il lavoro in solitaria e con un bisogno che da sempre mi ha spinto a chiedere “Raccontami una storia” a chiunque fosse disposto ad assecondarmi.

Viv