Save your scraps!

Continuo a giocare con i ritagli.
Ancora un astuccio: un mix di scampolini-ini su pois celesti.
Ancora una cotton label che rifinisce e aggiunge personalità.

IMG_2064_Fotor_Collage_Fotor

Dopo la Tour Eiffel della scorsa bustina, questa volta ho scelto una colomba.
Non è casuale.

Delle stelle patchwork vi parlerò più diffusamente nei prossimi giorni, intanto ve le lascio come piccola anticipazione.

Viv

Scampoli di primavera

Il riciclo è ciclico. Come le stagioni.

E visto che la primavera bussa e in primavera io metto mano al disordine e cerco di domarlo, guidata dai profumo dei giacinti e dal desiderio di colore, ho pescato dalla mia scatola dei ritagli quelli piccoli e quelli piccolissimi.

IMG_0937_Fotor

Berlingots che diventano portachiavi, non sono i primi e probabilmente non saranno nemmeno gli ultimi.

IMG_0917_Fotor_Collage_Fotor

Viv

Tris di cuscinetti profumati

Ricordo che molti anni fa, prima che il cucito creativo mi conquistasse, vidi qualcosa di molto simile nella vetrina di un piccolo negozio francese che proponeva accessori d’arredo in stile shabby.
Nel frattempo questi cuscinetti sovrapposti hanno invaso anche i siti creativi ma, a dispetto della loro diffusione, li trovo sempre molto belli.

foto 3_Fotor

Avevo avanzato dei ritagli di stoffa con le rose in negativo e positivo da lavori precedenti e li ho trovati adattissimi per questo piccolo progetto. Li ho abbinati a un lino grezzo in tinta con cui ho realizzato anche la rosellina centrale e li ho riempiti con una fragranza profumata.

foto 5_Fotor_Collage_Fotor

Li immagino sulla mensola di un bagno provenzale, di fianco al catino di zinco e alla brocca smaltata colma di fiori.

Viv

Tulipani e chiocciole

In questi giorni mi sto dedicando agli scampoli -quelli ricevuti e quelli accumulati- e nello stile del “butterfly pencil case” sono nate altre due bustine.
Nell’immagine seguente sono fotografate tutte insieme.

foto 1-1_Fotor

La “chiocciola” è appena più grandina dell’astuccio con la farfalla.
La fascia centrale è composta da cinque ritagli in cotone e una piccola silhouette a punto scritto campeggia sulla tela da ricamo bianca.
L’ho pensata per penne e matite ma, va detto, parliamo di studenti moderati non di quelli che si portano appresso manciate di evidenziatori e tubetti di colla stick.
In ogni caso andrà altrettanto bene per le minuterie da borsetta, quelle che non amiamo lasciar vagare negli angolini remoti delle nostre borse dove finiscono dimenticate tra le pieghe della fodera.

foto 5-2_Fotor_Collage_Fotor

La bustina “tulipano” è la sorella maggiore. Le impunture in questo caso sono lilla, come i colori del ricamo e della fodera interna a quadrettini baby.
Tutte le bustine sono in cotone e lino con un interfacing adesivo per dare stabilità e consistenza al tessuto.

foto_Fotor_Collage_Fotor

Viv

Butterfly pencil case

Chi ama fare lavoretti manuali sa che spesso i pensieri più graditi hanno a che fare con la nostra passione.
Per me è una festa quando un’amica si ricorda di tenermi da parte qualche bottone o dei ritagli di stoffa e, proprio come faceva la mia nonna, non mi stanco mai di recuperare nastri, passamanerie e tutto quello che potrebbe tornarmi utile.
Qualche giorno fa un’amica che cuce bellissime trapunte quiltate mi ha regalato dei ritagli di tessuto, troppo piccoli per essere utilizzati da soli ma assolutamente perfetti per il patchwork.

foto 4-1_Fotor

Sposando i miei scampoli ed i suoi ho realizzato un astuccio piatto in cotone e lino.
Prati fioriti e campi di lavanda, ecco cosa mi suggerisce questa bustina.
Per questo ho scelto di ricamare una piccola farfalla a punto croce nell’inserto in tela da ricamo.

foto 5_Fotor_Collage_Fotor

In quest’ultima foto ho aggiunto un paio di accessori da cancelleria perché mi sono resa conto che spesso è difficile farsi un’idea delle dimensioni di queste bustine senza contestualizzarle accanto ad un oggetto che abbia delle misure facilmente riconoscibili.

foto 4_Fotor

Il mio è un patchwork estremamente semplice -per la verità non amo i disegni geometrici troppo complicati- ma mi dà grande soddisfazione l’idea di restituire una chance a scampoli di tessuto che altrimenti finirebbero nel cestino dei rifiuti.

Viv