Grace in gobelin #3

Le mie chiusure metalliche attraversano l’oceano con un’odissea di perigliosi ritardi ma finalmente sono riuscita a montare anche questa piccolina in Gobelin che aspettava pazientemente da fine agosto.

Le due foto si riferiscono alla stessa borsa, fronte e retro, che sono ovviamente diversi visto che lo sviluppo del disegno è molto più esteso. Si tratta di una Grace  con chiusura da 18 centimetri, per chi vuole viaggiare leggero e distinguersi dalla massa.

Del resto un accessorio fatto a mano è spesso sinonimo di pezzo unico e nelle occasioni speciali è bello sapere che nessuno esibirà i tuoi stessi accessori o indosserà il tuo stesso vestito. Chiedetelo a Brenda e Kelly (*) se al Ballo di Primavera non avrebbero preferito non ritrovarsi con lo stesso tubino nero col fioccone bianco…

Ad ogni modo con le mie Grace in gobelin questo rischio non lo correte.

Viv

(*) Beverly Hills 90210

Tote bag autunnale

Una tote bag completamente diversa dalle mie solite per i tessuti e la passamaneria, dall’aspetto decisamente più caldo e lanoso, e per il pannello frontale in gobelin fiorato.

L’interno è liscio liscio, senza tasche, in toile de Jouy con un bottone magnetico per la chiusura.

I manici in eco-pelle completano l’insieme e la rendono perfetta come borsa per libri e documenti. Insomma, nel mio immaginario, è una tote bag da insegnante.
Prof. fatevi sotto, questa è per voi!

Viv

Grace in gobelin

Gli acquisti online son ciambelle e non sempre riescono col buco.
Nel mio caso, le chiusure che avevo ordinato sono arrivate, quattro su otto, della misura sbagliata e io mi ritrovo con un piccolo esercito di Grace in gobelin già belle che cucite che mi osserva a “bocca” spalancata dal piano dello scrittoio.

Mentre cerco soluzioni vi mostro le prime due.

Rose su fondo panna e interno bordeaux.

Fiori su fondo nero e fodera corallo.

Queste borse, così come le vedete fotografate, misurano circa 22 centimetri in larghezza per 18 centimetri in altezza e sono costruite intorno a una chiusura da cm 18. La catenella è lunga circa da circa cm 105.       .

Viv

 

 

 

The sweetest bag

Quasi tre anni su uno scaffale in attesa che io diventassi sufficientemente brava da non sciuparla, che si affacciasse l’ispirazione e che il compleanno del mezzo secolo portasse in dono una nuova macchina da cucire in grado di lavorare anche tessuti stratificati.
Ovviamente parlo del gobelin con cui ho realizzato questa borsa dall’aria innegabilmente molto francese.

IMG_1414_Fotor

All’esterno una profusione di dolcetti deliziosi e all’interno un piquet di cotone a pois rosa.
La chiusura è realizzata con un bottone magnetico, inoltre due laccetti posti sui lati restringono l’apertura e danno movimento alla forma della borsa.

IMG_1426_Fotor_Collage_Fotor

Ho inserito una tasca a scomparsa con cerniera e sul fondo un bindello con moschettone permette di agganciare l’immancabile pochette coordinata. Una trousse grande, quasi un tascone, dove trovano comodamente posto tutti gli oggetti “sensibili” come il portafoglio, le chiavi e il cellulare.
I manici in ecopelle sono il tocco vincente di questa borsa, inutile negarlo.

IMG_1426_Fotor_Collage_Fotor

Una borsa che chiede a gran voce una vacanza in Provenza, non pare anche a voi?

IMG_1421_Fotor

Viv