Da duemila anni

Mihail Sebastian, Da duemila anni, Fazi 

Recentemente ho accennato a questo romanzo nella recensione di “Eugenia”
“Da duemila anni” infatti viene citato da Duroy come il libro che schiude alla sua protagonista la realtà delle vessazioni di cui erano vittime gli ebrei rumeni, e il suo autore è quel Mihail Sebastian, punto di incontro tra finzione e vita reale, di cui Eugenia si invaghisce. 

In questo romanzo semi autobiografico, l’autore racconta la Romania dagli anni Venti ai Trenta e ci offre lo spaccato di un Paese ai margini della grande storia d’Europa.
Da insider ci restituisce la complessità del mondo ebraico, riportando la discussione sul singolo e sulla molteplicità di pensiero all’interno di una comunità costituita da individui spesso distanti per cultura, censo e sentimento religioso. 

Il protagonista stesso è non credente e certamente non è sionista. Appartiene a quella tipologia di ebreo integrato, più rumeno che ebreo, costretto volente o nolente a scontrarsi con la realtà della sua ascendenza nel momento in cui quel sangue ebreo che costituisce il punto del contendere comincia a scorrere per mano dei picchiatori antisemiti. 
Non gli è estranea neppure un certa insofferenza verso la malinconia e la rassegnazione congenita dell’ebreo talmudico, teso verso una sopportazione che ha il sapore del martirio, incline a compatirsi e confortarsi. 
Vorrebbe prendere le distanze da quei duemila anni di persecuzioni ma fatica a lasciarsi alle spalle l’inquietudine che ha assimilato insieme al latte materno.
Il suo stesso interesse verso il dibattito sionista si limita a quello di un osservatore di passaggio, uno spettatore che non propende per nessuna causa, di fronte a due amici che discutono con animosità soffre lo scontro ancor più del motivo del contendere. 

La loro ostilità, quella degli antisemiti, sarebbe tutto sommato sopportabile. Ma come ce la caveremo con la nostra stessa ostilità, con la nostra ostilità interiore? 

In questa come in altre occasioni di confronto dialettico su temi politici, religiosi ed economici, gli opposti si fronteggiano come in un dialogo platonico. Più in generale, in questo romanzo le idee hanno il sopravvento sugli eventi, il clima di violenza non è centrale quanto l’indagine filosofica e la ricerca dell’identità. 
Mi aspettavo un’analisi sull’antisemitismo e sulle persecuzioni razziali e mi sono trovata di fronte un romanzo sofisticato, di ampio respiro, caratterizzato da una grande ricchezza di spunti e un gran numero di personaggi secondari tratteggiati con straordinaria efficacia. 
Il punto nodale resta lo scavo psicologico, il sentimento di solitudine interiore, in una riflessione che oscilla tra la dimensione collettiva e quella individuale. 

 (…) la sola qualità certa che riconosco alle persone è la loro indifferenza, che rappresenta non solo un supremo atto di gentilezza, ma anche una garanzia di sicurezza e tranquillità.

La decina di anni su cui si focalizza la prima parte del romanzo sono quelli del tacito assenso, gli anni in cui l’insofferenza per l’ebreo è tollerata persino dai ebrei quasi fosse una pratica innocua, un peccato veniale che verrà superato dagli eventi.

Le acque torbide e agitate sono tornate limpide in superficie e si sono intorbiditi ancora di più i loro fondali agitati. Le persone hanno fatto le loro scelte, le idee si sono sedimentate, le stupidaggini si sono adunate, le verità hanno cominciato a delinearsi. Tutto è più ordinato. Forse sarebbe ora di scrivere la storia del movimento antisemita. 

Solo nell’ultimo terzo le inquietudini che lavoravano in profondità tornano in superficie e il protagonista si trova di fronte all’inevitabile strettoia. Sull’onda della crisi economica, le tensioni sociali aumentano, le strade tornano a risuonare di proclami antisemiti.

 Il dialogo serrato tra il maestro Vieru e il protagonista -due colleghi che il destino ha posto su barricate opposte- mostra gli esiti velenosi del nazionalismo identitario e ci riporta bruscamente all’attualità con quel “ma”, tanto abusato anche ai nostri giorni, un “ma” che non può avere giurisdizione quando ci si proclama antirazzisti.

Cerca di capire. Io non sono antisemita. Te l’ho già detto e lo ribadisco. Ma sono romeno. E in questa veste tutto ciò che mi si oppone rappresenta per me un pericolo. C’’è uno spirito ebraico irritante da cui devo difendermi. Nella stampa, nella finanza, nell’esercito, dappertutto percepisco la sua oppressione. Se il nostro organismo statale fosse resistente, non mi importerebbe un granché. Ma non lo è. È peccaminoso, corruttibile e debole. Ed è per questo che devo lottare contro gli agenti della decomposizione.”

Nelle argomentazioni che il protagonista contrappone all’amico Vieru si incarna la perfetta sintesi tra lucidità di pensiero e spirito tragico che è la chiave di lettura di tutto il romanzo.  

Avrei voluto copiare intere pagine di questo splendido testa a testa ma alla fine ho scelto quest’unica frase.

Tu non sei antisemita perché credi in un determinato pericolo ebraico, credi in questo pericolo ebraico perché sei antisemita”. 

Viv

 

 

 

 

 

Eugenia

Lionel Duroy, Eugenia, Fazi

Mi aggrappo al dolore perché non posso sopportare l’idea di dimenticare questi anni per me così indissolubilmente legati a Mihail. Dimenticare la nostra disumanità, con la scusa che la Storia si è improvvisamente rovesciata e che di sicuro non succederà più. Non succederà più che uccideremo gli ebrei solo perché sono ebrei, gli zingari solo perché sono zingari, e così via. Vorrei tanto crederci ma sono cose davvero successe, e sotto i nostri occhi. 

Il caso mi ha guidata verso questo romanzo che riprende la tematica dell’usurpatore ebraico che avevo appena incontrato inseguendo i netsuke della famiglia Ephrussi (vedi “Un’eredità di avorio e ambra”). 

Chi parla è Eugenia, cresciuta all’ombra del pregiudizio antisemita in una famiglia di commercianti di vino a Iasi in Romania. È la sua voce di studentessa, giornalista e infine membro della resistenza che guida il lettore nel decennio tra il 1935 e il 1945.
Filtrando la storia d’Europa e l’ascesa tentacolare del regime nazista attraverso la storia interna della nazione rumena, Jana documenta l’insofferenza verso gli ebrei, il clima di incertezza che precede la guerra -con la Romania in bilico tra vecchie e nuove alleanze- le ambiguità politiche del regime, le violenze, il colpo di stato, la dittatura, i pogrom del ‘41. 

Anche in Romania, come nel resto d’Europa, erano numerosi gli ebrei, spesso in posizioni prestigiose. 
Infatti, come conseguenza di una politica discriminatoria che proibiva loro di possedere delle terre in un’economia essenzialmente agricola, gli ebrei si erano specializzati in quelle professioni che richiedevano studio e conoscenze approfondite. Erano per lo più medici, farmacisti, giuristi, tipografi, orologiai, professori universitari anche se, come e ovvio, non tutti gli ebrei erano ricchi e influenti. 
Molti di loro avevano combattuto in difesa del territorio durante la Prima Guerra Mondiale ed erano di fatto cittadini rumeni a tutti gli effetti, naturalizzati dietro pressione della Francia dopo la fine del conflitto e legati alla patria da un sentimento di appartenenza nato nella più tenera infanzia. 
Mihail Sebastian -il Mihail che Eugenia cita nelle righe che ho riportato- è uno di loro ed è il punto di congiunzione tra la vicenda romanzata e la vita reale. Intellettuale e giurista ebreo di nazionalità rumena, autore di un libro sulle origini dell’antisemitismo (“Da duemila anni”, edito da Fazi) morì accidentalmente nel 1945 dopo essere sopravvissuto alle persecuzioni e alla guerra. 

Il romanzo inizia con la telefonata con cui Eugenia apprende la notizia della sua morte.
Da lì, appoggiandosi ai suoi ricordi e ai diari di Mihail, ripercorre i dieci anni precedenti a partire dal loro primo incontro durante una conferenza universitaria in cui Mihail, invitato a parlare del suo libro, era stato vittima di un pestaggio da parte delle camicie verdi della Guardia di Ferro. 
Le parole di Mihail segnano il momento dell’agnizione per Jana che, affascinata dall’uomo e dallo scrittore, si allontana progressivamente dalla famiglia, in particolar modo dal fratello maggiore Stefan che milita tra i legionari della Guardia, rinnegando l’educazione improntata alla diffidenza verso l’ebreo che aveva accettato in modo acritico fino ad allora.  
In parallelo, insieme alla consapevolezza filosofica, si radica in lei un sentimento che la porterà ad inseguire per anni l’amore di quest’uomo più grande di lei, di cui diviene l’amante senza esserne mai pienamente corrisposta. 
Il cuore di Michael infatti è diviso tra Leny, attrice volubile e attraente a cui si ispirano i personaggi femminili delle sue pièce teatrali e la scrittura, l’unico spazio interiore in cui il suo animo tormentato trova rifugio agli orrori. 

Come Mihail anche Eugenia ha il culto della memoria e registra orrori lontani nel tempo con una vividezza che ci fa sentire parte in causa. E lo siamo, perché schierarsi è inevitabile quando sono in gioco diritti inalienabili. 
Quello che colpisce in questo romanzo è l’attualità degli scontri verbali tra ideologie contrapposte, il fatto che conversazioni come quelle che Jana ha col fratello, con i genitori o con gli intellettuali del suo tempo, potrebbero essere trasposte ai nostri giorni senza cambiare neppure le virgole. E forse proprio per questo trasmettono inalterato lo stesso sentimento di incredulità, rabbia e impotenza di fronte all’egoismo gretto e alla chiusura mentale di chi non riesce ad andare oltre il suo personale interesse e i confini ristrettì del suo mondo domestico. 

In un colloquio con il fratello, che prosegue la sua carriera tra i leader del movimento nazionalista, questi cerca di indurla ad abbracciare una rivoluzione economica e culturale basata sulla “preferenza nazionale”  che tristemente riecheggia con estrema attualità i proclami della politica meno illuminata. 

Prima i romeni -rivendica- e solo dopo gli stranieri e gli ebrei, se mai un giorno ci saranno i mezzi per  accoglierne qualcuno.

Lo straniero non è il benvenuto, deve andarsene con le buone o con le cattive. Su queste premesse si fondano tutte le altre ingiustizie, le leggi discriminatorie per impedire loro di svolgere attività lavorative, gli abusi, gli espropri e, per venire a concetti più vicini a noi, la negazione all’accoglienza e allo ius soli. 
Per conto mio credo sia tempo di allargare il concetto di patria a estensioni geografiche più ampie e, personalmente, spero di poter morire con un passaporto europeo in tasca, nel frattempo vi consiglio letture come queste che aiutano a raggiungere la consapevolezza di cui Eugenia si fa portavoce. 

Viv