Coniglietta

Questo coniglietto non nasce per essere un giocattolo, anche se in passato ne ho cucito uno modificando l’attaccatura delle braccia in modo che potesse diventare un compagno di giochi sicuro anche per bimbi più piccini.
In questo caso si tratta di un complemento d’arredo e il suo habitat naturale sono le mensole di una libreria, magari in compagnia di qualche bel libro illustrato di Beatrix Potter.

Un abitino a fiori, un pizzico di colore sulle guance e il gioco è fatto.

Viv

Coniglietta azzurra

In un mare di fiorellini su sfondo azzurro si fa largo la nuova coniglietta Tilda.

Ho fatto delle piccole modifiche al modello originale in modo che possa essere maneggiata anche da una bimba piccola senza pericoli.
Per esempio ho evitato elementi decorativi, come i bottoncini sullo scamiciato, che potrebbero essere ingeriti e ho cucito gli arti superiori separatamente in modo che, se accidentalmente dovessero essere strappati dal corpo, non rilascino l’ovatta dell’imbottitura.

Sono in arrivo altri pupazzi, quando si comincia è difficile fermarsi.

Viv

Un coniglietto per Teresa

Dopo il primo coniglietto continuavo a dirmi che era tempo di farne un altro ma come spesso accade l’occasione me l’ha data una mamma in attesa di una bimba che nascerà a dicembre.
Colori di riferimento rosa polveroso e grigio che sono quelli scelti per la cameretta, una cameretta vintage.

Quando si cerca di provare ad esaudire un desiderio la parte più difficile è senza dubbio la progettazione o, come in questo caso, la scelta delle stoffe.
Sono stata indecisa per un pomeriggio intero, continuando ad accostare tessuti e a immaginare l’effetto finale: un abitino grigio, per quanto di una tonalità tenue, sarebbe risultato un po’ spento sul beige della coniglietta, quanto al rosa non sarebbe stato facile azzeccare la nuance degli arredi, senza contare che tra i tessuti si sprecano i rosa baby e i lilla ma non è altrettanto facile trovare un rosa polveroso che non sia tinta unita.

Una cosa sola mi premeva: non volevo una coniglietta smorta, la volevo luminosa e allegra, che si sposasse bene con un ambiente dai colori eleganti.
Ed eccola qui, la coniglietta per Teresa.

Alla fine il rosa polveroso l’ho utilizzato per le orecchie e il retro del cuoricino su cui ho ricamato il nome della bimba, mentre l’abitino è tutto in sangallo bianco che con il grigio è perfetto ed ha quel tocco retrò che piace alla mamma.

Alla fine ho sistemato il cuoricino a tracollina perché lo preferisco così.

Un tocco di fard ed eccola pronta per conoscere la sua nuova amica.

E quando Teresa farà la nanna avrà due occhi in più a vegliarla.
Il pattern, lo ricordo, è quello di Tone Finnanger.

Viv

Un coniglietto di cui essere fieri

Continuano, a rilento ma continuano, gli esperimenti di pupazzeria.
Anche se fin da piccoli ci insegnavano che “chi si loda si imbroda” stavolta sono particolarmente soddisfatta del risultato perché dal vivo questo coniglietto è veramente delizioso.
Merito del modello di Tone Finnanger e un pochino anche mio che non ho combinato pasticci e mi sono presa il mio tempo per fare le cose con precisione.

Questo è il mio primo pupazzo con braccia e gambe cucite separatamente e, a costo di far sorridere chi non si diletta con ago e filo, devo dire che c’è qualcosa di magico nel vedere i singoli pezzi che, dal nulla, prendono forma riempiendosi di imbottitura e animandosi man mano che il lavoro procede, fino ai dettagli finali.
Nasce per stare seduto ma con un po’ di pazienza e un appoggio riesce anche a reggersi in piedi.

Dopo un infelice esperimento, ho imparato a prestare grande attenzione agli occhietti, che vanno dipinti per ultimi con tutti i rischi del caso. Si tratta di un semplice puntino ma visto che è l’ultimo dettaglio è sempre opportuno controllare che la pittura non sia troppo liquida e non sbavi, facendo una prova su un piccolo campione della stessa stoffa utilizzata per il corpo del pupazzo.
Il nasino è rifinito a mano mentre per il ricamino dello scamiciato, del pantaloncino e del cappello, devo ringraziare la mia preziosa macchina da cucire.

Viv