Tapestry bag #orange

I tessuti da tappezziere sembrano fatti apposta per le borse, in questo caso più che mai visto che si tratta di due varianti della stessa fantasia, perfette per l’esterno e per l’interno.

Volevo una borsa che non risultasse troppo squadrata, che avesse i bordi inferiori stondati pur mantenendo la capienza, perciò ho arrotondato gli angoli e ho disegnato un paio di “spicchi” che aumentano il volume interno.
In pratica, la parte inferiore è la versione maggiorata di una curvy clutch.

Manico a spalla bicolore e patella centrale con bottone decorativo e velcro termoadesivo.

IMG_0607_Fotor

Si tratta di un veloce esperimento, senza tasche e cerniere,  per verificare le proporzioni e studiare possibili varianti, una sorta di modello base per così dire, tanto che ne ho disegnata subito una versione più grande che si confà maggiormente alle mie esigenze e ho verificato in corso d’opera una serie di modifiche.

Collage_Fotor_Fotor

Con il tessuto avanzato ho cucito la pochette, piccola ma capiente grazie ai famosi “spicchi” di cui parlavamo qualche riga fa.

IMG_0655_Fotor

E per avere un’idea precisa delle dimensioni ecco una foto della borsa indossata.

IMG_0685_Fotor

Viv

Stessa spiaggia, stesso mare

E soprattutto stesso tessuto Ikea con cui ho inaugurato la stagione estiva delle borse da mare.
Stavolta i pois all’interno sono azzurri, come il mare e il cielo che incorniciano le lunghe giornate in spiaggia.

IMG_1173_Fotor

Una coulisse laterale per stringere l’apertura della borsa e tanto spazio interno per asciugamani, riviste e creme solari.
Sulla fascia centrale, in lino naturale, una scritta in stampatello ricamata a punto stitchery e sul retro due bottoncini azzurri.

IMG_1184_Fotor_Collage_Fotor

Niente tasche interne ma un moschettone fissato all’interno della fodera, a cui potrà essere agganciata la pochette che per coordinarsi con la borsa si veste di azzurro e raddoppia con una bustina piatta.

IMG_1191_Fotor_Collage_Fotor

Come la borsa con le bandierine anche questa beach bag è capiente e al contempo luggage friendly perché in men che non si dica si fa sottile e discreta per trovare posto anche nella valigia più stracolma.

Viv