Brown evening bag

Le stoffe cambiano personalità a seconda di come le utilizziamo.

Oggi vi mostro uno dei mille volti di questo pizzo in tulle.
Lo avete già visto in rosso con effetto grande soirée e ora ve lo propongo abbinato a un tessuto marrone che esalta i toni in nuance della trama del tulle.

Spesso modifico il pattern ma tessuti e chiusure non sono intercambiabili, ciascuno richiede qualche piccolo aggiustamento per valorizzare al meglio l’insieme. In questo caso mi sembrava che ci volesse una forma più panciuta e ho aumentato la misura del fondo.

Cena romantica o serata tra amiche?

Viv

Ava, la borsetta con la perla

“Per essere insostituibili bisogna essere unici”
(Coco Chanel)

Borsetta da giorno e da sera in tessuto bouclé con chiusura a scatto decorata con grande perla e manico lavorato. All’interno ha due gancetti a scomparsa per la tracolla.

Viv

Le poltroncine della zia Elvira

Questo biglietto era infilato tra le pieghe di una stoffa rosso rubino che riposava nel cassetto di una casa che non conosco.

6957C1D3-CFBC-4926-970C-3B8F5D43EB21_Fotor

Lo firma la “zia Elvira” con una grafia molto simile a quella della nonna omonima di cui ogni tanto torno a raccontare e a cui devo la passione per il cucito, la maglia e i lavoretti manuali.
Stoffa e biglietto sono arrivati a me conservando gran parte del loro mistero in cerca di una nuova occasione che non ha tardato ad arrivare.

Evidentemente dopo aver ricoperto le sette poltroncine deve essere avanzata una striscia di tessuto ed è da questa che ho ricavato una borsa grande e cascante decisamente informale.

IMG_0690_Fotor

Le chiamano hobo bag, borse vagabonde, figlie dei fiori e della spensieratezza.

Collage_Fotor_Fotor

Effetto slouchy, cerniera, tracolla e una fodera con una fantasia anni Settanta.
Perfetta anche per la spiaggia.

Il modello che ho utilizzato, fatte salve alcune modifiche nel raccordo della tracolla che ho preferito sagomare diversamente, è questo.

Viv

Tapestry bag #blue

Più capiente della sorellina arancio, e ugualmente leggera.
In un pomeriggio di shopping o una gita fuori porta si farà notare per il disegno a tralci fioriti e darà risalto al jeans o all’abito coloniale color sabbia.
Di rigore il cappello di tela. Io la vedo così.

IMG_0694_Fotor

La borsa si chiude grazie ad un bottone magnetico. Il bottone ricoperto è puramente decorativo. All’interno una tasca a scomparsa con cerniera e un moschettone per agganciare la bustina piatta abbinata.

Collage_Fotor_Fotor

Ed eccola indossata, per meglio apprezzare le dimensioni.

IMG_0689_Fotor

Viv

Tapestry bag #orange

I tessuti da tappezziere sembrano fatti apposta per le borse, in questo caso più che mai visto che si tratta di due varianti della stessa fantasia, perfette per l’esterno e per l’interno.

Volevo una borsa che non risultasse troppo squadrata, che avesse i bordi inferiori stondati pur mantenendo la capienza, perciò ho arrotondato gli angoli e ho disegnato un paio di “spicchi” che aumentano il volume interno.
In pratica, la parte inferiore è la versione maggiorata di una curvy clutch.

Manico a spalla bicolore e patella centrale con bottone decorativo e velcro termoadesivo.

IMG_0607_Fotor

Si tratta di un veloce esperimento, senza tasche e cerniere,  per verificare le proporzioni e studiare possibili varianti, una sorta di modello base per così dire, tanto che ne ho disegnata subito una versione più grande che si confà maggiormente alle mie esigenze e ho verificato in corso d’opera una serie di modifiche.

Collage_Fotor_Fotor

Con il tessuto avanzato ho cucito la pochette, piccola ma capiente grazie ai famosi “spicchi” di cui parlavamo qualche riga fa.

IMG_0655_Fotor

E per avere un’idea precisa delle dimensioni ecco una foto della borsa indossata.

IMG_0685_Fotor

Viv

The sweetest bag

Quasi tre anni su uno scaffale in attesa che io diventassi sufficientemente brava da non sciuparla, che si affacciasse l’ispirazione e che il compleanno del mezzo secolo portasse in dono una nuova macchina da cucire in grado di lavorare anche tessuti stratificati.
Ovviamente parlo del gobelin con cui ho realizzato questa borsa dall’aria innegabilmente molto francese.

IMG_1414_Fotor

All’esterno una profusione di dolcetti deliziosi e all’interno un piquet di cotone a pois rosa.
La chiusura è realizzata con un bottone magnetico, inoltre due laccetti posti sui lati restringono l’apertura e danno movimento alla forma della borsa.

IMG_1426_Fotor_Collage_Fotor

Ho inserito una tasca a scomparsa con cerniera e sul fondo un bindello con moschettone permette di agganciare l’immancabile pochette coordinata. Una trousse grande, quasi un tascone, dove trovano comodamente posto tutti gli oggetti “sensibili” come il portafoglio, le chiavi e il cellulare.
I manici in ecopelle sono il tocco vincente di questa borsa, inutile negarlo.

IMG_1426_Fotor_Collage_Fotor

Una borsa che chiede a gran voce una vacanza in Provenza, non pare anche a voi?

IMG_1421_Fotor

Viv

Vintage bag

Dopo una serie di borse da spiaggia oggi si va sul lungomare, con un bel paio di sandali bianchi, una gonna ampia e una borsa a spalla in tela bianca e blu che lascia le mani libere per il cono gelato.

IMG_1353_Fotor

L’ampiezza é modesta, le pieghe sono fermate sul fondo e si ripetono sul retro.
All’interno un paio di taschine aperte, un bindello per agganciare un eventuale moschettone e un automatico a calamita per la chiusura.
Unico dettaglio sfizioso, il bottone ricoperto di stoffa con il quale ho inaugurato il nuovo tool per creare bottoni ad hoc.

IMG_1360_Fotor_Collage_Fotor

Viv