Due astuccini piatti e confettosi

Gennaio è un mese letargico. Indugio sotto le coperte più che posso, riordino pigramente la craft room, aspetto che affiorino nuove idee e spero che influenze e raffreddori mi ignorino.

Ed è proprio dalla scatola dei ritagli -quella che fra tutte ha bisogno più spesso di essere riordinata- che sono spuntate queste due bustine che dell’inverno non vogliono proprio saperne.

Rosa, rosa e ancora rosa, più un pizzico di turchese nel fiocchetto.

Ricomincio da qui, dai miei amati scampolini, che più son piccini più sono amati.

Viv

Annunci

Pensierini scintillanti

Durante l’anno utilizzo poco gli accessori sbrilluccicanti ma in questo periodo vale tutto, inclusa una deriva parzialmente kitch che ha coinvolto anche le mie storiche pochette. Eccone una in versione total silver con una stellina che occhieggia dal cursore della zip e una foderina decisamente più sobria in cotone grigio con le renne.

E con quest’ultimo pensierino scintillante do appuntamento a tutti al 26 con gli ultimi regali made by Stravagaria che aspettano ancora impacchettati sotto l’albero di amici e parenti.
Buon Natale!

Grazie a Catartica per le fotografie!

Viv

Regali handmade solidali. Riflessioni sull’arte del dono

C’è chi ci ragiona con largo anticipo e chi si riduce all’ultimo minuto ma, rassegniamoci, a breve tutti cominceremo a pensare ai regali di Natale.
Pochi o tanti che siano, ci rende felici condividere “almeno un pensierino” con le amiche, le colleghe, la vicina di casa o le maestre di scuola.

Sembra superfluo dirlo ma ciò che rende davvero speciale un dono è tutto quello che non si vede. A renderlo unico infatti è la riflessione che lo ha preceduto non certo il valore monetario puro e semplice.
Per questo motivo, soprattutto quando si tratta di regali che non vogliono avere grandi pretese economiche, l’importante è non scivolare nella banalità degli oggetti in serie che, spesso per contenere i costi riescono ad essere anche straordinariamente brutti ed inutili.

L’handmade è sempre più la scelta di chi nel dono cerca l’originalitá di un prodotto unico, pensato e curato nei dettagli che si possa personalizzare e adattare a chi lo riceve.

Dunque se in aggiunta a tutto questo scegliamo un prodotto handmade solidale, regaliamo un doppio sorriso: a chi riceverà il nostro dono e a chi beneficerà del nostro supporto.

Nel mio caso il sorriso è quello dei bambini di Iasi, in Romania.
Lì c’è un centro diurno che segue i minori di famiglie numerose con difficoltà economiche, garantisce loro un luogo in cui ritrovarsi, giocare e crescere, in cui sia possibile ricevere un supporto psicologico, un aiuto per proseguire gli studi, un ambiente riscaldato d’inverno dove fare i compiti e la merenda.
E nel mese di agosto i volontari italiani, che durante l’anno raccolgono fondi per sostenere economicamente il centro, raggiungono Iasi e trascorrono le vacanze con i bambini, organizzando insieme a loro attività ricreative.

Se volete saperne di più, seguiteli su FB. Li trovate come Associazione Gruppo Romania.

Viv

L’ultimo gelato di stagione

Visto che l’estate si attarda, mi attardo anche io.

In realtà, a dispetto del titolo, a me il gelato piace sempre.
Certo, non chiedetemi di passeggiare con un cono in mano quando le temperature scendono sotto la doppia cifra, ma a casa, al calduccio, un bel gelato può essere seducente quanto una tisana anche in pieno inverno.

Ma veniamo a noi.
Cerniera giallo sole, tela jeans verde-turchese, interni a piccole bolle tono su tono e due charm-gelatino che pendono dal cursore delle zip. Non ce n’è, queste due bustine avrei dovuto pubblicarle in piena estate ma mi è capitata sotto mano la stoffa in questi giorni e non ho saputo resistere a questo verde.

La prossima settimana è previsto un abbassamento delle temperature e prometto di riallineare il blog al calendario.

Viv

Le coralline

Mi piacciono molto le bustine abbinate e quando mi capitano due tagli gemelli -mi riferisco ovviamente alle tirelle da cui nascono le pochette #jeans mood- non so resistere.
Questa volta la sorte mi ha gratificato con un bellissimo color corallo, il colore che più di tutti, da sempre, mi ricorda l’estate e la voglia di osare negli accessori e nell’abbigliamento.

La stoffa interna è un fiorellino che aggiunge un tocco di lilla e fa tanto campagna.
E poi c’è la nappina che dà quel certo je ne sais quoi.

Viv

No comment

“Ancora pochette?” Mi sembra già di sentirvi e, detto fra noi, avete ragione da vendere. Ultimamente ne ho sfornate una quantità enorme con piccole varianti perciò -ve lo metto per iscritto- siete tutti dispensati dal commentare.

D’altro canto, visto che il blog rappresenta il diario delle mie occupazioni manuali e che le pochette si tradurranno in opere di bene ringrazio ancora e ancora l’amica che mi ha donato le tirelle che in questi mesi hanno dato vita a queste coloratissime bustine.
A me l’onere e soprattutto il divertimento di acquistare e scegliere gli abbinamenti con le cerniere e con i cotoni fiorati delle foderine.

Il dettaglio di oggi sono le nappine colorate che pendono dalla zip.

Verde e lilla. Io uso queste pochette contenute per separare le chiavi di casa e di solito ci infilo anche il burro cacao e un mini-mini-mini coltellino svizzero con forbicina di emergenza.

collage_fotor_fotor_fotor

Verde e turchese. Perfetto per il trucco giornaliero o per la cancelleria.

collage_fotor44_fotor_fotor

Rosso amaranto e rosa. Un accostamento che si è rivelato vincente e che mi ha conquistato.

collage_fotor44_fotor_fotoramaranto_fotor

Set duo testa di moro e rosa salmone. La stoffa con le rose dell’interno è una delle mie preferite: ammorbidisce la seriosità del marrone con un tocco di romanticismo niente affatto lezioso.

collage_fotor_fotor_fotormarrone

Ve lo dico sottovoce ma… non vi è ancora venuta voglia di regalare pochette per Natale?

Viv

Save your scraps!

Continuo a giocare con i ritagli.
Ancora un astuccio: un mix di scampolini-ini su pois celesti.
Ancora una cotton label che rifinisce e aggiunge personalità.

IMG_2064_Fotor_Collage_Fotor

Dopo la Tour Eiffel della scorsa bustina, questa volta ho scelto una colomba.
Non è casuale.

Delle stelle patchwork vi parlerò più diffusamente nei prossimi giorni, intanto ve le lascio come piccola anticipazione.

Viv