Leda, Ada e Delia

Sorelle per allitterazione queste tre pochette sono però l’opposto l’una dell’altra per personalità e colori, esattamente come accade tra fratelli e sorelle che spesso, non accidentalmente, sembra vogliano sottolineare ogni più piccola differenza per affermare se stessi e marcare il confine del proprio spazio interiore.

Leda, Ada e Delia hanno imparato la lezione a menadito e non potrebbero essere più diverse.

Viv

Annunci

Celestina e le altre


Questi astucci sono nati insieme a quelli ispirati alle fiabe: stesso modello con le impunture, stesse misure, stessi tempi senza fretta nelle scelte degli abbinamenti.
In questo caso però non si è fatta strada nessuna associazione spontanea tra queste stoffe e le illustrazioni dei miei libroni delle fiabe e, visto che non mi piacciono le forzature, ho deciso di non cercarla a tutti i costi.

Eccole qui, colorate e, come sempre, tutte diverse.

Non ambiscono ad avere delle sorelle gemelle ma mi hanno fatto capire che un nome l’avrebbero gradito perciò ecco Celestina, Irma e Magda.

Viv

Margherite

Margaret, Meg, Daisy, Maggie, Marge. A partire dai sette anni, quando lessi per la prima volta “Piccole donne”, ogni volta che incontravo un nuovo vezzeggiativo inglese del nome Margherita lo memorizzavo. Mi sembrava strano che ce ne fossero così tanti. Sarà che in italiano Margherita tutt’al più viene abbreviato in Marghe o in Ghita. E io, che pure avevo già incontrato Ghita in un romanzo di Giana Anguissola, all’epoca non avevo certo fatto il collegamento.

In attesa di avvistare le prime margherite, ecco il set romantico per chi di Tiffany ama anche le gradazioni di colore.


Insieme alla bustina c’è un piccolo portachiavi berlingot.
Questo portachiavi è insospettabilmente comodo da tenere in mano, facile da trovare in borsa, lavabile e soprattutto leggero come, secondo me, dovrebbero essere tutti i portachiavi.

Viv

Il palazzo del principe drago

Lo so, qui si va sul difficile perché questa fiaba davvero non la conosce nessuno. Vi faccio vedere la stoffa che me l’ha ricordata? Eccola.

Avete pensato a Monet, vero? Ma il fatto è che il mio immaginario si è nutrito delle suggestioni di questa strana fiaba in una fase molto più vicina all’imprinting, lo stagno di Giverny è venuto molto dopo.
Se aveste passato tutto il tempo che ho passato io ad osservare il giovane A-Tuan sul fondo del mare vedreste anche voi, in questa distesa intricata di verdi e di blu, i capelli vorticanti del danzatore.

Veniamo alla bustina. In questo caso avevo almeno tre alternative, ugualmente interessanti e molto diverse tra loro, nella combinazione delle stoffe e della cerniera, persino le variazioni sul colore delle impunture hanno avuto un peso decisivo.

Alla fine  -e devo ringraziare l’occhio artistico di figlia#1 che ha suggerito questa variante- ha prevalso questa versione che mi piace davvero molto.

Quando scrivevo in questo post che il divertimento comincia con la scelta degli abbinamenti e che non bisogna avere fretta non scherzavo. Certe cose funzionano solo con la calma e la cura dei dettagli.

Viv

Due astuccini piatti e confettosi

Gennaio è un mese letargico. Indugio sotto le coperte più che posso, riordino pigramente la craft room, aspetto che affiorino nuove idee e spero che influenze e raffreddori mi ignorino.

Ed è proprio dalla scatola dei ritagli -quella che fra tutte ha bisogno più spesso di essere riordinata- che sono spuntate queste due bustine che dell’inverno non vogliono proprio saperne.

Rosa, rosa e ancora rosa, più un pizzico di turchese nel fiocchetto.

Ricomincio da qui, dai miei amati scampolini, che più son piccini più sono amati.

Viv

Pensierini scintillanti

Durante l’anno utilizzo poco gli accessori sbrilluccicanti ma in questo periodo vale tutto, inclusa una deriva parzialmente kitch che ha coinvolto anche le mie storiche pochette. Eccone una in versione total silver con una stellina che occhieggia dal cursore della zip e una foderina decisamente più sobria in cotone grigio con le renne.

E con quest’ultimo pensierino scintillante do appuntamento a tutti al 26 con gli ultimi regali made by Stravagaria che aspettano ancora impacchettati sotto l’albero di amici e parenti.
Buon Natale!

Grazie a Catartica per le fotografie!

Viv

Regali handmade solidali. Riflessioni sull’arte del dono

C’è chi ci ragiona con largo anticipo e chi si riduce all’ultimo minuto ma, rassegniamoci, a breve tutti cominceremo a pensare ai regali di Natale.
Pochi o tanti che siano, ci rende felici condividere “almeno un pensierino” con le amiche, le colleghe, la vicina di casa o le maestre di scuola.

Sembra superfluo dirlo ma ciò che rende davvero speciale un dono è tutto quello che non si vede. A renderlo unico infatti è la riflessione che lo ha preceduto non certo il valore monetario puro e semplice.
Per questo motivo, soprattutto quando si tratta di regali che non vogliono avere grandi pretese economiche, l’importante è non scivolare nella banalità degli oggetti in serie che, spesso per contenere i costi riescono ad essere anche straordinariamente brutti ed inutili.

L’handmade è sempre più la scelta di chi nel dono cerca l’originalitá di un prodotto unico, pensato e curato nei dettagli che si possa personalizzare e adattare a chi lo riceve.

Dunque se in aggiunta a tutto questo scegliamo un prodotto handmade solidale, regaliamo un doppio sorriso: a chi riceverà il nostro dono e a chi beneficerà del nostro supporto.

Nel mio caso il sorriso è quello dei bambini di Iasi, in Romania.
Lì c’è un centro diurno che segue i minori di famiglie numerose con difficoltà economiche, garantisce loro un luogo in cui ritrovarsi, giocare e crescere, in cui sia possibile ricevere un supporto psicologico, un aiuto per proseguire gli studi, un ambiente riscaldato d’inverno dove fare i compiti e la merenda.
E nel mese di agosto i volontari italiani, che durante l’anno raccolgono fondi per sostenere economicamente il centro, raggiungono Iasi e trascorrono le vacanze con i bambini, organizzando insieme a loro attività ricreative.

Se volete saperne di più, seguiteli su FB. Li trovate come Associazione Gruppo Romania.

Viv