Cerchietto burberry fiocco piatto

L’ultimo scampolo di tessuto Burberry è per il cerchietto in versione fiocco piatto.

Da lunedì invece ritorna il Natale, questa volta con tanti fuoriporta che daranno il benvenuto agli ospiti che non verranno a trovarci in quest’anno bisesto e funesto su cui incombe la minaccia di un lockdown natalizio.                                            

In fondo faccio bene io che il fuoriporta preferito lo metto all’interno della porta di ingresso così me lo guardo ogni volta che passo di lì. 

Viv

 

Seta cruda

Cosa fai quando, durante un viaggio, compri un accessorio con una stoffa davvero carina e poi, una volta a casa, ti accorgi che non riesci ad utilizzarlo? Facile… lo smonti di sana pianta e con quella stoffa tanto carina ci fai altri accessori. In questo modo il ricordo di quel momento resta ma smetti di rammaricarti per l’acquisto frettoloso.
Per la verità non è che mi capiti tanto spesso di fare acquisti totalmente sbagliati ma il cucito mi ha riconciliato anche con quei pochi perché so che, mal che vada, li trasformerò in qualcos’altro. 

Nelle prime foto il cerchietto con nodo in seta cruda, in fondo la fascia incrociata con un dettaglio sul tessuto. 

Viv

Cerchietto in raso ottanio

Giorni fa una ragazza mi ha mandato la foto di un suo cerchietto e mi ha chiesto se ne facessi di simili. Era un cerchietto con un passante nella parte centrale tipo farfallino e così, a tempo perso, ho provato a farne uno giusto per vedere l’effetto di questo raso color ottanio.

In realtà, dal punto di vista progettuale è molto più interessante il cerchietto col nodo integrato ma questo modello permette di giuntare il tessuto nel punto che resta nascosto e soprattutto rende bene con stoffe strutturate con cui il nodo classico risulterebbe troppo spesso. 

Nota di eccellenza il colore, un ottanio brillante con una bella punta di verde che, quantunque refrattario alla macchina fotografica che accentua la sfumatura turchese, è molto elegante e portabile. 

Viv 

 

 

Liberty Garden

Questi sono i colori che mi danno felicità.
Ricordo che da piccola alcuni abbinamenti si usavano poco e alcuni erano addirittura guardati con sospetto, come il rosso e il rosa che invece trovo stiano benissimo insieme, sempre che si abbia l’accortezza di scegliere le tonalità giuste. Del resto, non so voi, ma a casa mia erano mal visti anche i coni gelato meno ortodossi come per esempio cioccolato e agrumi che invece permane da sempre  nella rosa dei miei preferiti.
Sulla stessa falsa riga amo anche l’accostamento del fuxia con l’arancio.

Queste stoffe fanno parte di una collezione che si chiama liberty garden di cui, col senno di poi avrei dovuto acquistare ben più del ridicolo mezzo metro che presi in quell’occasione.
Mi consolo godendomi l’effetto benefico che questi colori hanno sul mio umore.

Viv