Ho la scimmia per Vani Sarca ma…

Alice Basso, La scrittrice del mistero, Garzanti

Di Alice Basso ho parlato qui.
Nel mentre sono passati due romanzi (“Scrivere è un mestiere pericoloso” e ”Non ditelo allo scrittore”) e un paio di prequel in forma di racconto (“La ghostwriter di Babbo Natale” e “Nascita di una ghostwriter”). Se ci fosse stato altro l’avrei letto, perché questa Vani Sarca -ghostwriter di professione, profiler per talento naturale- mi piace e mi piace lo stile brioso di Alice Basso e i suoi continui rimandi letterari.

Sebbene le prime pagine grondino spiegazioni per gli assenti ingiustificati che non hanno letto i libri precedenti, in questo caso è imperativo seguire l’ordine cronologico, perché lo sviluppo della love story tra Vani e il maturo ispettore Berganza rappresenta il cuore della serialità di questi romanzi.
Intorno a loro, in un profluvio di metafore, si muovono l’emula quindicenne Morgana, l’eccentrica ottuagenaria Irma, l’innamorato respinto bello e tenebroso, l’editore Fusco e la famiglia di Vani, con la sorella Lara che in questo capitolo conquista una posizione di primo piano e riscatta parzialmente la sua precedente immagine di bionda svampita.

La narrazione come sempre si sviluppa su più piani: la ghostwriter alle prese con un nuovo progetto lavorativo, coinvolta in un’indagine di polizia mentre, neppure troppo sullo sfondo, si alternano le vicende personali e familiari di tutta la compagine.
Il punto di forza sta nella caratterizzazione dei personaggi e nella chiave umoristica con cui si dispiega l’intreccio ma in questo capitolo manca più di un pizzico di mordente e la trama vira decisamente dal giallo al rosa.

L’affezione per i personaggi supplisce alla rarefazione dell’intreccio e a uno stile meno spontaneo, talvolta un po’ forzato nel ricercare a tutti i costi la battuta a effetto ma, come per la serialità televisiva, il gradimento generale a volte ha poco a che vedere con il numero di stelline che attribuirei a questo romanzo se non fossi incuriosita dalle sorti di Vani e Berganza. Ma qui si entra nel campo delle perversioni personali.

Viv

Annunci

7 pensieri riguardo “Ho la scimmia per Vani Sarca ma…

  1. Una lettura gradevole, si direbbe e un personaggio che ti ha un po’ stregato, è bello affezionarsi ai protagonisti dei libri e sapere che prima o poi li ritroverai.
    E detto questo però mi sembra anche giusto che l’autrice fornisca spiegazioni a quelli che non hanno letto i libri precedenti.
    Baci cara, buon pomeriggio!

      1. Sì, avevo capito che non ti era proprio gradito, però magari se uno affronta l’autore per la prima volta è una maniera di coinvolgerlo nella storia… poi se è fatto con grazia anche meglio!

  2. Sai che di lei non ho mai letto nulla? Anche se forse in archivio dovrei avere qualcosa… proverò a leggere qualche romanzo e (perché no?) anche questo, almeno mi faccio un’idea e vediamo se siamo in linea 🙂
    Un bacione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.