Mary Lavelle

Kate O’Brien, Mary Lavelle, Fazi

Lodare le copertine di Fazi potrebbe diventare un’abitudine.
Non conoscevo né il romanzo né l’autrice ma la bella immagine scelta dall’editore mi ha convinta ad intraprendere il viaggio fino ad Altorno, nella provincia basca, insieme a Mary Lavelle.

Mary è una giovinetta irlandese, istitutrice e chaperon di tre adolescenti di buona famiglia nella Spagna degli anni Venti.
La sua tuttavia non è la scelta obbligata di molte eroine povere dei romanzi ottocenteschi, quanto piuttosto una fuga temporanea dalla casa paterna e dal promesso sposo, a cui la lega un sentimento ubbidiente e tiepido sul quale non si è mai attardata a riflettere. Inoltre Mary è molto bella, di una bellezza androgina e seducente, lontanissima dal clichè delle istitutrici scialbe destinate alla solitudine.

La prima metà del romanzo è un lento acclimatarsi in cui protagonista e lettore familiarizzano con la residenza degli Areavaga, il paesaggio, i ritmi e la cultura spagnola.
Da parentesi avventurosa il soggiorno spagnolo diventa per Mary un vero e proprio percorso di formazione.
Dai té pomeridiani al Caffè Alemán con le colleghe inglesi -più anziane e sfiduciate ma rassicuranti per lo meno nell’idioma- Mary passa ad apprezzare le potenzialità culturali che le si offrono fino ad abbracciare anche le tradizioni più controverse, come i rituali crudeli ed eleganti della corrida. Attraverso le chiacchiere con le vivaci ragazze Areavaga comincia a studiare lo spagnolo, le lettere al fidanzato si fanno meno acquiescenti, la solitudine la sprona a pensare in modo indipendente, libera dal retaggio cattolico e dall’influenza paterna.

La seconda parte del romanzo coincide con la comparsa di Juanito, figlio maggiore degli Areavaga e da lí in poi il ritmo della narrazione abbandona il classicismo ottocentesco adeguando il passo all’incalzare della passione che travolge i due personaggi.

Per certi versi il romanzo ruota intorno all’incompiutezza dell’amore: quello di Don Pablo Areavaga, che in Mary sublima la passionalità che ha soffocato nel suo matrimonio, quello inconfessabile di Agatha per l’amica, quello di John, promesso sposo non ricambiato. Anche la passione tra Mary e Juanito, che pure è l’unica a rompere gli argini, lascia il lettore nel dubbio di una possibile conclusione positiva.
Ma è proprio la nuova consapevolezza di Mary e l’accresciuta maturità sentimentale a renderla accogliente nei confronti della delicata rivelazione dell’amica.
L’amore apre alla comprensione e la comprensione apre alla fraterna tolleranza.

E così, se anche Agatha e lei non avevano più affrontato l’argomento, il tono con cui parlava all’amica e l’atteggiamento che le riservava erano più limpidi e fraterni, non tanto perché quella l’amasse di un amore folle e perverso ma perché, come lei, Mary aveva conosciuto un amore altrettanto folle e perverso. 

Viv

Annunci

13 pensieri riguardo “Mary Lavelle

  1. Mi hai incuriosito con questo romanzo. Ho il seguente di Kate O’Brien, Farewell Spain che è un travel book molto interessante. Se abitassimo più vicino, potremmo scambiarceli. Un abbraccio e grazie ancora della segnalazione

    1. Io l’ho letto su eBook, se per caso hai l’abbonamento a KindleUnlimited è tra quelli disponibili gratuitamente. Sono sicura che se abitassimo vicine troveremmo molte belle letture da scambiarci 😉

  2. Ora, io sarò anche noiosa e ripetitiva, ma continuo a pensare che le tue siano delle opinioni letterarie davvero utili, complete e sempre con la ricerca della massima imparzialità possibile…
    E la copertina…beh non si dovrebbe giudicare un libro dalla copertina, ma è altrettanto vero che anche l’occhio vuole la sua parte 😉

    1. Ho cominciato a farci caso perché Fazi Editore sceglie sempre delle copertine che sono un piccolo valore aggiunto. Non è l’unico ma non è così scontato. Per il resto ti ringrazio, mi fa piacere 😊

  3. Ma che splendida recensione, la copertina è davvero accattivante e la trama non è da meno, brava tu a presentare il romanzo nella maniera giusta, mi hai davvero incuriosita.
    P.S, tu e Marina potreste scambiarvi un sacco di libri, l’ho sempre pensato anch’io!
    Bacioni Viv, buona serata.

  4. Romanzo che mi ispira, copertina inclusa, anche se sul kindle perde molto della sua importanza. Ma quando faranno il kindle a colori, per poter gioire delle copertine??

    1. Sono appesantita da qualche grammo in più durante la lettura (la leggerezza del Kindle è inarrivabile) ma in compenso leggendo da iPad la copertina mi ha catturato con tutti i suoi colori 😉 chissà forse in grigio non l’avrei neppure notato…

    1. È vero, a volte è il canto delle sirene dell’editoria ma è comunque un biglietto di presentazione che dovrebbe essere valorizzato, certe copertine invece sembrano proprio scelte a casaccio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.