Una stanza tutta per sé

Virginia Woolf, Una stanza tutta per sé, Feltrinelli

La libertà intellettuale dipende da cose materiali. La poesia dipende dalla libertà intellettuale. 

Il titolo di questo breve saggio, che condensa due conferenze che la Woolf tenne a Cambridge nel 1928 a partire da una serie di riflessioni sulla donna e il romanzo, punta al nocciolo della questione femminile.
Secoli di letteratura e poesia al maschile avevano fino allora reso omaggio ad una creatura dell’immaginazione, eroica, meschina, splendida e sordida, lontanissima dalle restrizioni, dalla fatica e dall’impossibilita di autodeterminarsi che nella vita reale costringeva la donna sotto il dominio della volontà e del capriccio dell’uomo, padre o marito che fosse, per tutta la durata della sua esistenza.

Immaginativamente la sua importanza é estrema: praticamente la sua insignificanza è totale. (…) Dalle sue labbra escono alcune tra le più ispirate parole, alcuni dei più profondi pensieri della letteratura: nella vita reale non sapeva quasi leggere, scriveva molto faticosamente, e si annoverava fra i beni materiali del marito. 

Non è una novità che l’emancipazione passi anche attraverso il denaro. Per questo motivo la rendita di cinquecento sterline annue, di cui la Woolf cominciò a beneficiare grazie al lascito di una zia, è menzionata come un passaggio nodale per sua attività di scrittrice. La disponibilità di denaro la liberó da lavori mal pagati e sgraditi e al contempo da sentimenti di rivendicazione e di ostilità, consentendole di dedicarsi all’attività intellettuale senza alcuna costrizione materiale.

È notevole come una rendita fissa può mutare il nostro carattere. Una rendita fissa e, per venire al titolo del saggio, una stanza tutta per sé, cioè un luogo in cui ritirarsi a riflettere in solitudine dando spazio alla creatività e all’immaginazione.
Invero l’eredità di mia zia mi svelava il paradiso, e invece della figura di un vasto e imponente signore, il quale era stato da Milton raccomandato alla mia perpetua adorazione, vi appariva l’immagine del cielo aperto.

Mutatis mutandis, gli stessi sentimenti di grata libertà con cui io guardo alla mia craft room, il mio angolo di benessere interiore: un piccolo lusso che la vita mi ha regalato dopo anni di spazi comuni prestati al disordine creativo.

Viv

Annunci

27 pensieri riguardo “Una stanza tutta per sé

  1. Questo libro è stato uno dei miei capisaldi, delle mie stelle polari negli anni universitari. Credo di averne parlato anche in una tesina per la SSIS e sul blog… ma in un’epoca in cui non ero nessuno e non arrivavo neanche a fatica ai miei 25 lettori…
    Buona domenica 😉

    1. Se è sul blog vado a cercare, mi farebbe piacere leggere quel che hai scritto. Io per la verità mi sono limitata a suggerirne la lettura senza avventurarmi in una recensione vera e propria che avrebbe dovuto essere molto più complessa visto il tema e l’autrice. Buona domenica a te!

  2. Letture raffinate per iniziare, l’anno, cara.
    Quel senso di libertà per il quale tu provi gratitudine è davvero impagabile, lo condivido, tutti noi dovremmo avere il nostro angolo nel quale coltivare le nostre passioni.
    Un bacione Viv, buona domenica!

    1. Mi è stato regalato proprio in omaggio a quegli spazi femminili di cui abbiamo sempre bisogno, per cui è slittato immediatamente in cima alla lista di letture per il nuovo anno. Buona domenica!

  3. Ho letto questo libro tempo fa, ne ho una edizione economicissima ma saldamente cartacea (e questo in un certo senso, è un ulteriore segnale che questa “rendita” è davvero una differenza in alcuni casi…) una stanza per sè è decisamente un lusso che può regalare soddisfazioni notevoli 🙂

    1. Io ho apprezzato la Woolf più come saggista di quanto non l’avessi apprezzata come romanziera nell’unico libro suo che ho letto (Gita al faro). In ogni caso non è lo stile letterario che preferisco, i contenuti però sono pregevoli vista l’epoca.

  4. Che bella questa recensione. Conoscevo il libro ma non l’ho mai letto. Deve essere una lettura che stimola molte riflessioni. E anche per me il titolo è sommamente evocativo di un mondo…come il mio 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.