Un’onda blu per l’Autismo

Sapevate che il 2 aprile è la Giornata di consapevolezza sull’Autismo?
Io l’ho scoperto grazie a Milena che mi ha invitato ad aderire alla settimana per l’autismo pubblicando qualcosa di #blu tra il 27 marzo e il 3 aprile.

Di autismo mi è già capitato di parlare sul blog consigliando il romanzo di Matthew Dicks “L’amico immaginario” ma non ne ho una conoscenza diretta e approfondita anche perché è un disturbo piuttosto complesso che si manifesta con infinite combinazioni che coinvolgono la sfera verbale, le relazioni interpersonali e la capacità di interazione con gli stimoli esterni.

Curiosando in rete ho scoperto che alcune catene di supermercati inglesi stanno sperimentando un programma autism friendly, che prevede un’ora a bassi stimoli sensoriali per agevolare gli acquisti delle famiglie con bambini autistici che sono sopraffatti dal sovraccarico sensoriale prodotto da luci, rumori e affollamento.
La settimana dell’autismo è un invito a creare informazione poiché la conoscenza e la familiarità abbattono i muri, generano empatia e semplificano i problemi.

Faccio mio l’invito di Milena e ve lo giro.
Mi piacerebbe che durante quella settimana la rete si riempisse di post #blu -una foto, una ricetta, una creazione handmade- con un piccolo richiamo all’idea a cui fa capo la scelta di quel colore.
Accendiamo i nostri riflettori e aiutiamo a diffondere la cultura dell’inclusione partendo dalla conoscenza di ciò che ci disorienta perché fuori dal nostro ordinario.

Segnatevi la data sul calendario: aspetto le vostre idee blu nella settimana tra il 27 marzo e il 3 aprile e comincio a preparare le mie.

img_1595_fotor

Viv

Annunci

22 pensieri riguardo “Un’onda blu per l’Autismo

  1. hai fatto bene a parlarne anch io ne dedicherò un post penso proprio in aprile. ho conosciuto due ragazzini autistici un anno fa nel mio percorso di volontariato.. tanta tenerezza, tanto amore da dare e da ricevere in cambio e un mondo tutto da scoprire..
    prendo di buon grado il tuo invito e nella settimana che dici allora dedicherò un post, qualcosa di blu vediamo, e t’inviterò a leggerlo , ringraziando te e il tuo blog per l idea molto carina…
    baci
    daniela

  2. Imbattibile la tua sensibilità generosa ma non ostentata….
    Spero di riuscire a raccattare un prodotto blu di cui parlare, al limite nella mia pietosa sfera DIY proverò a mettere insieme un braccialetto, per legare questo argomento delicato quanto importante, grazie per aver dato il tuo contributo 😉

  3. Brava Viv, che cosa bella, non sapevo di questa lodevole iniziativa, credo che sia un buon modo per risvegliare l’attenzione su un tema così importante e delicato.
    E la tua foto blu è perfetta! Bacioni, Viv, buona giornata.

  4. Bellissima iniziativa, non ne sapevo nulla… Ti ringrazio e cercherò di condividere il più possibile sul blog didattico…
    P.S. sto parzialmente riemergendo, ciao, Viv!

  5. Hai ragione, pare che sia un disturbo abbastanza frequente nei piccoli ma, per fortuna, in molti casi sparisce con la crescita. Chi non ce la fa non avrà vita facile, purtroppo.
    Ciao Viv.
    Nicola

      1. Ciao sono Romina
        Mamma di Edo 8 anni disturbo autistico diagnosticato a 18 mesi.
        Mi ha parlato di questo blog un’amica….non potevo…non leggere….innanzi tutto splendida iniziativa complimenti….più se neparla…meglio è
        Io faccio parte anche di una Onlus che si occupa di dare sollievo alle famiglie….ho letto sopra…alcuni post..dove si dice..che crescendo si guarisce….
        No
        Purtroppo non si può guarire
        Di trovano condizioni di vita dignitose…ma con tanto lavoro,educatori preparati,sacrifici enormi da parte delle famiglie.
        Volevo ringraziarti ancora….
        Sicuramente faremo un”salto”in quei giorni per leggete e vedere tutti i post
        GRAZIE A TUTTI i nostri figli non sono fantasmi…600 mila famiglie certificate in Italia…..tanti piccoli e grandi Eroi in questa società ❤
        A presto Romina e Edoardo

      2. Purtroppo hai ragione, credo che si riferisse a casi molto lievi che in età adulta tendono a passare inosservati, hai fatto benissimo a lasciare la tua esperienza. Un abbraccio a te e a Edo 😊

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.