Tag

, ,

Pierre Lemaitre, Lavoro a mano armata, Fazi

IMG_6657_Fotor

Dopo una vita dedicata all’insegnamento della letteratura, da un decennio Pierre Lamaitre ha cominciato a scrivere romanzi e sceneggiature.
Ora è un ultrasessantenne baciato dal successo. “Lavoro a mano armata” non è il suo primo romanzo ma è quello che gli ha regalato la notorietà, insieme al prestigioso Premio Goncourt.

Grosso modo coetaneo del suo protagonista, Lemaitre costruisce un noir poliziesco che dà voce con un’efficacia che va oltre i luoghi comuni, al dramma dei disoccupati senior mettendo l’accento sulle dinamiche psicologiche e sociali che ruotano intorno al precariato degli ultra cinquantenni.

Alain Delambre da quattro anni sopravvive nella giungla dei “lavoretti” frustranti e mal pagati, adattandosi a svolgere mansioni molto al di sotto delle sue precedenti esperienze come responsabile delle risorse umane. Minata l’autostima e l’equilibrio domestico, nell’amorevolezza della moglie e delle figlie adulte e indipendenti, legge ormai solo la sua umiliazione.
La svolta arriva con un annuncio di lavoro che sembra costruito ad hoc per le sue competenze pregresse ma per emergere sugli altri candidati dovrà far ricorso ad ogni astuzia in un gioco di ruolo architettato dall’azienda che dovrebbe assumerlo per testare la fedeltà di alcuni dipendenti in una situazione di stress prolungato.
Di più non è lecito dire ma, se la prima parte si sviluppa in ambito psico-sociologico, nella seconda prevale l’azione e non mancano i colpi di scena, incluso un inseguimento in auto con un esito un po’ forzato che rappresenta il punto più debole, il solo direi, di un romanzo che a breve avrà la sua brava trasposizione cinematografica.

Il romanzo si offre a più livelli di lettura, anche in considerazione del fatto che l’idea centrale pesca dalla cronaca francese di questi anni. La denuncia sociale è esplicita ma il tono resta quello dell’intrattenimento, intelligente, vorrei aggiungere.

E se la mia recensione non vi ha convinti leggete quella di Polimena che su di me ha funzionato come un moderno pifferaio magico, tanto che in pochi secondi, con un click, avevo già scaricato il romanzo.

Viv