Mr Skeffington

Elizabeth von Arnim, Mr Skeffington, Bollati Boringhieri

IMG_6289

Cinquant’anni.
Un traguardo a cui Lady Fanny guarda con apprensione da quando lo specchio le rimanda un’immagine pesantemente sfiorita e i malanni si affacciano a turbare le sue giornate sempre più solitarie.

Divorziata da Mr Skeffington -con superficiale noncuranza seppure per giusta causa- nell’età in cui la sua bellezza era allo zenit e le attirava nugoli di corteggiatori adoranti Fanny Skeffington ha trascorso gli ultimi decenni nel benessere di una cospicua rendita, elevando la fatuità a regola di vita.

Dopo anni di totale dimenticanza Mr Skeffington fa proditoriamente capolino nei pensieri di una Fanny provata dall’approssimarsi del compleanno, dal diradamento dei capelli e dal reticolo di rughe.
Per allontanarne il fantasma, contatta alcuni dei suoi ormai sopiti amori ma
con dolorosa sorpresa, e siparietti molto godibili per il lettore, li scopre in altre faccende affaccendati, per nulla disposti ad elargire conforto e parimenti invecchiati e irriconoscibili. A suon di sguardi attoniti che trasudano disagio e malcelata commiserazione è così costretta a fare i conti con la realtà.
E la realtà avrà infine il volto tragico di Mr Skeffington in un finale non del tutto inaspettato che inaspettatamente tuttavia si immerge nella realtà storica delle persecuzioni naziste.

In questo caso ci troviamo di fronte una von Arnim ironica, meno grottesca e più sarcastica, che si situa in posizione mediana rispetto ai giudizi alterni espressi in altre recensioni.

Un romanzo che irride, non senza una certa benevolenza, le donne fatue e superficiali, che stigmatizza la bellezza come feticcio e la mancanza di senso del ridicolo.
Esiste qualcosa di più penoso di una donna che non accetta di invecchiare con eleganza, di cambiare abiti e prospettive e che continua a civettare sotto strati di belletto sempre più spesso?

Viv

Annunci

20 pensieri riguardo “Mr Skeffington

  1. La scrittrice mi è nota ma non ho mai letto nulla. Visto che invece tu la consoci bene, che mi consigli per iniziare. Io sto leggendo un super tomo, quindi ne avrò per qualche tempo, ma poi mi dedicherò a qualcosa di più rilassante…

    1. Un incantevole aprile, Vera, Colpa d’amore. Per me in questo periodo niente tomi, tanto meno super… Alterno scemenze a cosette ben scritte ma il comun denominatore è una certa leggerezza.

  2. Oh, la tua amica Von Arnim! Questo ritratto sembra così vivido e reale, corrispondente a tante figure davvero vissute, sul finale del tuo post annuivo, è proprio vero quello che hai scritto, ogni età ha le sue virtù e diverse espressioni di bellezza, inutile accanirsi nel voler essere ciò che non si è più.
    Dev’essere una bella storia visto il taglio ironico e il punto di vista femminile, tra i libri che hai presentato della Von Arnim questo forse è uno di quelli che mi attira di più, devo decidermi a leggerla!
    Un bacione cara, buona giornata.

    1. Lo sfiorire della bellezza è un tema che in letteratura torna spesso, penso a memorabili racconti della Némirovsky. Qui c’è una bella dose di ironia, che non guasta mai. Bacioni cara 🙂

    1. Per me è stato facile…avendo figlie grandi a un certo punto capisci che non puoi sovrapporti e che il palcoscenico deve essere loro 😉
      Ps. Non sono nonna Abelarda ma ho qualche anno più di te 🙂 esattamente come Fanny Skeffington, li ho compiuti ieri 😀

      1. Dai!!! Allora buon compleanno!! E comunque…ora inizia la seconda giovinezza, sappilo!! 😀
        P.S.: per molti anche le figlie non sono un impedimento…conta il buon senso e il senso dell’opportunità…che non sembrano molto diffusi. 😦

  3. Interessante l’argomento “donna davanti allo specchio” : lo stesso vale per gli uomini. Molti gli autori che, nel tempo, si sono cimentati al riguardo con maggiore o minore bravura. Non conosco questa scrittrice però mi fido del tuo giudizio.
    Auguri, anche se in ritardo, per il tuo compleanno.
    Un caro saluto.
    Nicola

  4. Sei troppo brava nelle recensioni Stravy! Soprattutto quando un libro ti piace e questo mi sembra ti abbia preso abbastanza pur non avendoti magari fatto impazzire. Un bacione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.