Vi presento Sally

Elizabeth von Arnim, Vi presento Sally, Bollati Boringhieri

IMG_6180

Di quest’autrice ho già parlato diffusamente su queste pagine e, anche se i suoi migliori romanzi li lessi nel periodo antecedente al blog e non figurano tra le recensioni, finisco per leggerla ogni volta che me ne capita l’occasione accettando il rischio di rimanere -come in questo caso- parzialmente delusa.

Scrittrice dalla prosa elegante e ironica, si dilettava nel mettere alla berlina le debolezze umane e le discrasie di una società recalcitrante all’integrazione tra classi.
La psicologia dei suoi personaggi -spesso caricaturali, mai banalmente superficiali- è uno dei suoi punti di forza ma la sua produzione alterna romanzi cui ho dato il mio plauso senza riserve (“Un incantevole aprile”, “Vera”, Colpa d’amore”) a opere apertamente grottesche che peccano per trame inverosimili e finali sbrigativi.
Non lasciatevi ingannare, non ne sto sconsigliando la lettura, se mai un’attenta selezione delle opere, in base al vostro gusto e all’inclinazione del momento.

Protagonista di questo romanzo è Salvatia, detta Sally, creatura incantevole parimenti afflitta da una grazia esteriore senza eguale e da una semplicità di intelletto che sconfina nell’ottusità.
Consapevole di non passare inosservata, Salvatia vive la sua bellezza come una colpa, un fardello per i genitori che l’hanno cresciuta nel retrobottega della drogheria al riparo da sguardi indiscreti e da qualsivoglia stimolo intellettuale.
Data frettolosamente in sposa ad un giovane studioso di Cambridge, invaghitosi perdutamente del suo aspetto angelico, appena comincia ad aprir bocca Sally mostra di non essere all’altezza delle aspettative del “signor marito” e della di lui madre che sussultano al suo pittoresco e sgrammaticato linguaggio cockney, e non vedono di buon occhio la sua tendenza a fraternizzare con le classi inferiori.
Non lo stereotipo dell’oca perché in Salvatia non alberga malizia alcuna: la giovinetta ambisce solo ad essere una moglie devota, con uno stuolo di bimbi attaccati alle sottane e una piccola dimora da tenere linda. Non comprende neppure la metà di ciò che le accade e patisce con genuina mansuetudine.
La trama si complica in modo piuttosto pretestuoso nella seconda parte del romanzo -decisamente meno riuscita rispetto alla prima- e si affacciano personaggi della nobiltà inglese che poco o nulla aggiungono se non una certa confusione.

Nella mia personale classifica questo romanzo precede “Una principessa in fuga” – merito di Salvatia, protagonista più interessante e genuina di Priscilla- ma rientra a pieno titolo tra le opere minori della von Arnim, che indubbiamente amava scrivere, talvolta a dispetto del risultato complessivo.

Viv

16 pensieri riguardo “Vi presento Sally

  1. Una recensione sincera della quale ti ringrazio, mi riprometto sempre di leggere questa autrice e a questo punto certamente la mia scelta non cadrà su questo titolo, mi sembra che più che altro siano i passaggi pretestuosi della seconda parte a non rendere interessante questo libro, forse la trama poteva dipanarsi in altra maniera.
    Devo dire che la copertina è splendidamente accattivante, su questo non c’è che dire.
    Baci cara, buona giornata a te.

    1. La foto in copertina, ancorchè bella, per altro ha pochissimo a che vedere con il contenuto perché dà un’immagine fuorviante della protagonista che non è affatto una donna emancipata. Volevo parlarne nella recensione ma me ne hai dato comunque lo spunto 🙂 un bacione

  2. Il primp libro che ho letto dell’autrice è stato Una principessa in fuga e mi sono detta “tutto qui?” Poi Un incantevole aprile mi ha entusiasmata. Difficile ora tornare ai margini della classifica

    1. La von Arnim ha sempre una buona penna ma in egual misura ha alternato romanzi molto interessanti ad altri piuttosto leggeri e inconcludenti. Io la leggo volentieri ma il livello è molto alterno. Pesca dalla parentesi 🙂

  3. Ammetto di non aver letto nulla di questa autrice e dalla recensione che hai fatto di questo forse per il momento può attendere. Però se in libreria avessi dovuto scegliere dalla copertina forse mi sarei lasciata tentare. Buona settimana

    1. Io ho amato molto anche Vera. Il protagonista è un manipolatore, maniaco del controllo, sembra quasi caricaturale ma ci credi che ho conosciuto un tipo esattamente come quello? 🙂 baci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.