Das Glasperlenspiel

Hermann Hesse, Il gioco delle perle di vetro, Mondadori

foto 1-1_Fotor

Lo scelsi in biblioteca quando avevo quindici anni, affascinata dal titolo.

Alunna di ginnasio, ero ancora digiuna di filosofia e ignoravo per molti aspetti il contesto storico-culturale che aveva dato vita al romanzo ma quelle seicento pagine mi incantarono.
Quello fu il primo di molti incontri, quattro ad oggi, e ogni volta mi domando se sarà l’ultimo o se tra una decina d’anni il Gioco comincerà a chiamarmi nuovamente con voce suadente dallo scaffale dedicato alla letteratura tedesca.

Pubblicato per la prima volta nel 1943, quando il secondo conflitto mondiale non era ancora concluso, “Il gioco delle perle di vetro” è un romanzo stratificato, che dietro l’apparenza di una fluidità benedetta dalle Muse richiese al suo autore dieci anni di lavoro.
Ambientato in un futuro ormai prossimo nella provincia protetta di Castalia -un microcosmo per studiosi e contemplativi dediti all’arte del Gioco- narra in forma di saggio biografico la vita del Magister Ludi Joseph Knecht.
Nella parte centrale del romanzo ripercorre la sua precoce vocazione alla musica, gli anni di studio, la vita di celibato al servizio dell’Ordine, l’ascesa fino alla massima carica di Maestro del Gioco, la crisi personale e il ritorno nel mondo fino alla fine avvolta nella leggenda.
Un saggio iniziale introduce le origini e lo sviluppo della disciplina del Gioco, in appendice sono tramandati gli scritti giovanili di Knecht.

Nel corso del romanzo Hesse motiva la nascita del Gioco come il prodotto di una società decadente “per un ravvedimento ascetico-eroico e per uno sforzo dello spirito, come per un profondo bisogno di ordine di norme, di raziocinio, di leggi e misure da parte di popoli sfiniti e dissanguati” ma attraverso la vita del protagonista insinua il dubbio che un mondo isolato di eletti, dediti esclusivamente alle attività del pensiero, non sia del tutto auspicabile.

Ma in cosa consiste il Gioco delle perle di vetro?
Il Gioco è la sublimazione di ogni Arte e attività intellettuale -in primis la musica- un’architettura severamente codificata da simboli che consentono di creare delle associazioni astratte volte alla comprensione unificata del sapere.
Ma è altresì una disciplina contemplativa, una sorta -mi si passi l’ossimoro- di teologia laica in cui il pensiero metafisico si sposa alle scienze applicate.

Hesse lo descrive con dovizia di particolari ma si tratta pur sempre di un prodotto dell’immaginario intellettuale alla cui comprensione ciascun lettore può avvicinarsi unicamente per similitudini e sovrapposizioni attingendo alla fantasia all’esperienza personale e ai propri talenti peculiari.

In Knecht riconosciamo e ammiriamo l’uomo in cammino verso il perfezionamento di sé, animato da grande ardore e scosso da forti dubbi, che lotta in buona fede contro forze contrapposte.
Il talento e il carisma personale ne fanno un predestinato alle più alte cariche, ricercato fin dalla giovinezza dai compagni che riconoscono in lui un leader naturale e benvoluto dai superiori per una certa qual innocenza e per l’assenza di ambizione smaniosa.
Potremmo definirlo un contemplativo destinato all’azione, un uomo etico che accetta un ruolo di comando suo malgrado, consapevole che tanto più sono numerosi i talenti ricevuti tanto più si è gravati dalla responsabilità.

Romanzo politico-filosofico e romanzo di formazione dunque.
E qui mi fermo perché sono certa che pochi sarebbero disposti a leggere oltre ma da innamorata di lungo corso vi suggerisco di prestare orecchio alla musica del Gioco, chissà che non stia chiamando anche voi.

foto_Fotor

Viv

15 pensieri riguardo “Das Glasperlenspiel

  1. Anch’io ho avuto il mio “periodo Hesse”, ma questo mi ha sempre spaventata un po’… sarà stata la mole, di sicuro.
    Bellissime le tue parole dedicate al libro: si sente la passione che vi lega. Da ultimo, super raffinata l’edizione dei “Meridiani”.
    Buon pomeriggio…

  2. Una presentazione meravigliosa e affascinante, questo libro mi manca e so che è una grave pecca, l’ho iniziato quand’ero ragazzina e non l’ho mai finito, credo che sia venuto il suo momento.
    E con una una recensione così a chi non verrebbe voglia di leggerlo?
    Sai Viv, credo che lo leggerai ancora, ancora e ancora. Ne sono più che certa!
    Chicca di questo post, oltre alle tue parole, la splendida foto finale di Ottavia, non potrebbe esserci immagine migliore!
    Un bacio grande a te!

    1. Grazie per tutte le tue belle parole! In realtà è un libro che alterna una parte scorrevolissima centrale ma inizia con un saggio meno lieve che potrebbe scoraggiare e far pensare che tutto il romanzo sia su quelle corde. In alternativa io consiglio sempre “Narciso e Boccadoro” che è un romanzo splendido e godibilissimo. Ma forse questo l’hai già letto. Un bacione e grazie da parte di Ottavia 🙂

  3. Ricordo che me lo prestò la professoressa di italiano delle medie prima dell’estate…e non l’ho mai restituito né letto. Una di quelle cose di cui ti vergogni ancora a distanza di vent’anni. Non mi ci sono nemmeno avvicinata, non so perché, a me il titolo non ispirava proprio. Ma a leggere le tue parole mi chiedo come potesse leggerlo una ragazzina di 14 anni… Mi sembra difficile anche adesso! Non so, la filosofia non ha mai fatto per me, mi sembra molto complesso… Ma un po’ di curiosità me l’hai fatta venire! 😉

  4. Mai letto, anche se, come sembra, fa parte per molti di letture giovanili.
    Comunque basta questo che tu scrivi per convincermi ad avvicinarlo:
    “Potremmo definirlo un contemplativo destinato all’azione, un uomo etico che accetta un ruolo di comando suo malgrado, consapevole che tanto più sono numerosi i talenti ricevuti tanto più si è gravati dalla responsabilità.”

    1. Ogni lettura mi ha lasciato impressioni lievemente differenti ma direi che quello che mi affascina in Knecht è proprio la tensione tra l’essere e il dover essere, tra azione e spiritualità, mondo e Castalia. Tipico prodotto per certi versi della letteratura colta di quel periodo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.