Agatha Raisin e Flavia de Luce, due detective nella campagna inglese

Alan Bradley, La morte non è una cosa per ragazzine, Mondadori
Alan Bradley, Flavia del Luce e il delitto nel campo dei cetrioli, Mondadori

M.C. Beaton, Agatha Raisin e la quiche letale, astoria

Desktop92libri

Flavia de Luce e Agatha Raisin, due investigatrici dilettanti che si muovono nella suggestiva cornice della campagna inglese. Curiose e perspicaci, ora inciampano in un cadavere, ora in un indizio misterioso, quasi sempre rischiano di finire nei guai.
Le concordanze finiscono qui.

La prima serie -di cui trovate qui una splendida recensione di Polimena- vede protagonista una ragazzina dall’intelligenza precocissima. Ci troviamo a Bishp’s Lacey intorno alla metà degli anni Cinquanta e Flavia vive nella fatiscente dimora avita con il padre filatelico, una governante, un tuttofare e due sorelle maggiori che tentano ripetutamente di isolarla colpevolizzandola fantasiosamente della morte prematura della mamma.

Quando Flavia è sopraffatta si rifugia nell’ala est, nel laboratorio chimico ad elaborare sofisticate pozioni per vendicarsi della angherie delle sorelle o elude una sorveglianza tutt’altro che serrata macinando chilometri nella campagna circostante sul sellino dell’amata bicicletta Gladys raccogliendo pettegolezzi, indizi e confidenze preziose.
Nell’ombra vigila su di lei l’ispettore Hewitt che, se pure ne riconosce e apprezza le brillanti capacità investigative, non può non temere per l’incolumità di una detective in erba di soli undici anni.

Agatha Raisin é un’energica cinquantenne, indipendente, con scarsa propensione alle relazioni amicali che, abbandonata l’attività londinese di pubblicitaria seguendo il miraggio adolescenziale della vita agreste, si trasferisce in un cottage a Carsely, Cotswolds.
Ben presto tuttavia scopre che, se da un lato si è lasciata alle spalle solo conoscenze superficiali, dall’altro gli abitanti del villaggio pur nella loro irreprensibile cortesia la considerano una forestiera cui dare confidenza con grande circospezione.
Per forzare i nuovi concittadini ad accorgersi di lei e combattere la noia che si è impadronita delle sue giornate, decide perciò di partecipare al concorso annuale per la miglior quiche. E qui cominciano i guai perché Agatha, pessima cuoca, dapprima pensa bene di barare presentando una quiche acquistata in una gastronomia londinese, poi si scontra con le politiche nepotistiche della giuria, ed infine si ritrova coinvolta in un’indagine per avvelenamento.

L’elemento giallo c’è ma, in entrambi i casi, non siamo di fronte a racconti cruenti e sanguinari.
L’accento è sull’ambientazione, la vita del borgo, le dinamiche sociali, i rapporti umani e le interazioni tra i suoi abitanti.
Agatha in particolare, pur omaggiando esplicitamente l’omonima scrittrice antesignana del giallo classico e la sua investigatrice più famosa, è una donna comune, con debolezze e virtù che riconosciamo come nostre. Inizialmente brusca e scostante, scoraggiata dal timore di aver commesso un errore lasciandosi alle spalle il caos londinese, finiamo per apprezzarne i goffi tentativi di socializzazione e insieme a lei scopriamo che la nuova Agatha in versione country-chic si piace di più e piace anche ai suoi lettori.

Se cercate ironia e leggerezza nella migliore tradizione inglese, non resterete delusi.

Viv

Annunci

26 pensieri riguardo “Agatha Raisin e Flavia de Luce, due detective nella campagna inglese

  1. Agatha Uvetta non me la voglio perdere! Già dal titolo mi ispira e poi il Cotswords è l’ambiente inglese ideale. Sarà mio al più presto. E grazie per la citazione, mia cara!

    1. Figurati, è un piacere citarti e la tua recensione è davvero perfetta!
      Sono stata in quelle zone due estati fa e devo dire che sono villaggi strepitosi se piace il genere e a me piace moltissimo…

  2. I gialli non sono tanto il mio genere ma questi due hanno come sfondo un’ambientazione che invece mi piace parecchio!
    Sembrano due belle e piacevoli letture, la tua recensione suscita interesse, viene voglia di conoscerle queste due detective.
    Un bacione Viv!

  3. Ullalà! Interessanti questi Stravy! I gialli mi son sempre piaciuti! Ricordo che “dieci piccoli indiani” l’ho letto in una sola notte ed ero una bambina. Forse te l’avevo già detto. Queste per me sono proprio chicche. Grazie amica, baciotto!

  4. Bella recensione, come sempre. Anch’io non sono per i gialli, però le ambientazioni (soprattutto del primo) hanno un certo richiamo… e poi l’età di Flavia è proprio l’età delle avventure, adattissima per cercare di risolvere enigmi e misteri.
    Buon pomeriggio.

      1. Molto! Ho continuato a leggere per due giorni finché non l’ho finito 😉 Ne avevo letto un altro suo in passato e l’aspetto psicologico è sempre primo piano.
        La Gabaldon invece chiude dignitosamente il cerchio ma il primo resta senza dubbio il migliore, negli altri si perde completamente la fascinazione del salto nel passato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.